Ai Ogura passa in Moto2 nel 2021 con il team Asia Honda

Ogura, pretendente al titolo iridato 2020 di Moto3, salirà di categoria la prossima stagione correndo in Moto2 con l'Asia team Honda al posto di Andi Farid Izdihar, il quale scenderà di categoria.

Ai Ogura passa in Moto2 nel 2021 con il team Asia Honda

Honda Team Asia rende nota i suoi schieramenti per il 2021: Ai Ogura, attualmente impegnato nella lotta per il titolo in Moto3™, passerà alla categoria intermedia la prossima stagione. Il diciannovenne di Tokyo ha conquistato sette podi nel 2020 e di dirige verso il Grande Prémio MEO de Portugal con otto punti di distacco dal leader del Campionato, Albert Arenas.

Nel 2021, la stella giapponese lascerà il suo posto a Andi Farid Izdihar con l’indonesiano, che passerà alla classe leggera dopo un difficile anno di debutto in Moto2™, condividerà il box con Yuki Kunii. Mentre Ogura farà squadra con Somkiat Chantra nell’Idemitsu Honda Team Asia Moto2™, per il thailandese sarà la sua terza stagione nel mondiale.

Hiroshi Aoyama, team manager: “Siamo lieti di continuare la stagione 2021 in due categorie del Campionato del mondo. In Moto avremo Yuki Kunii e Andi Farid Izdihar. Sarà la seconda stagione per Yuki e penso che potrà lottare per il titolo. Per quanto riguarda Andi, non sarà una categoria completamente nuova per lui visto che è cresciuto con le piccole cilindrate dimostrando grande competitività come ad esempio nell’Asia Talent Cup e nel FIM CEV. Crediamo che abbia buone capacità per correre in Moto”.

“In Moto2 avremo Somkiat Chantra e Ai Ogura. Vorremmo che Chantra continuasse in questa categoria perché questa possa dimostrare la sua competitività e la sua capacità di gestire queste moto. Per quanto riguarda Ogura, sarà una sfida nuova ed impegnativa ma crediamo che abbia il talento che serve per competere in Moto”.

condividi
commenti
Ducati: il titolo Costruttori può essere una consolazione?
Articolo precedente

Ducati: il titolo Costruttori può essere una consolazione?

Articolo successivo

I paradossi Yamaha: quando vincere tanto non basta

I paradossi Yamaha: quando vincere tanto non basta
Carica i commenti