Jerez, Libere 3: Bradl torna a dettare il passo

Jerez, Libere 3: Bradl torna a dettare il passo

Il tedesco stacca un bel quartetto composto da Marquez, Luthi, Takahashi e Simon

Stefan Bradl si conferma l'uomo del momento della classe Moto2. Ieri pomeriggio il leader della classifica iridata si era un pò nascosto, ma questa mattina è tornato a fare la voce grossa, mettendo il suo nome in cima alla lista dei tempi dell'ultima sessione di prove libere del Gp di Spagna. In sella alla sua Kalex, il tedesco è sembrato veramente imprendibile, riuscendo ad aprire una forbice di ben quattro decimi sugli inseguitori, grazie ad un ottimo giro completato in 1'42"906. Alle sue spalle si è invece formato un quartetto compatto, che racchiude tutti nello spazio di pochi millesimi. A guidarlo c'è la Suter di Marc Marquez, seguito a ruota da Thomas Luthi, Yuki Takahashi e Julian Simon. Segue poi un tandem tricolore, anche se i distacchi di Claudio Corti e Michele Pirro sono di oltre otto decimi. Nella top ten c'è poi spazio anche per Simone Corsi, decimo alle spalle anche dell'ex MotoGp Aleix Espargaro e del campione del mondo della Supersport, Kenan Sofuoglu. Attardatissimi invece gli altri italiani, con Andrea Iannone che addiritura chiude in ventesima piazza, staccato di circa 1"2 da Bradl. Va detto però che, tolto "l'alieno" tedesco, tra il secondo ed il pilota abruzzese c'è meno di un secondo, quindi il margine per recuperare esiste. Da segnalare, infine, anche l'esposizione della bandiera rossa, a causa di un incidente avvenuto all'ultima curva per un'incomprensione tra Pol Espargaro e Steven Odendaal, usciti entrambi fortunatamente illesi dalla carambola. Anche Mike Di Meglio però si è reso protagonista di una scivolata.

Moto2 - Jerez - Libere 3

Diventa parte di qualcosa di grande

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Moto2
Piloti Stefan Bradl
Articolo di tipo Ultime notizie