Sochi, Libere 1: Vettel inizia bene con la Ferrari davanti a Verstappen e Hamilton

condividi
commenti
Sochi, Libere 1: Vettel inizia bene con la Ferrari davanti a Verstappen e Hamilton
Di: Franco Nugnes
28 set 2018, 09:53

Il tedesco con la SF71H dotata delle ultime modifiche è stato il più veloce nel primo turno di prove libere del GP della Russia, lasciando a soli 50 millesimi la Red Bull di Verstappen con il motore nuovo. Lewis è a mezzo secondo ma con gomme Soft. Ottimo Giovinazzi decimo.

Sebastian Vettel è stato il più veloce nella prima sessione di prove libere del GP della Russia con la Ferrari: il tedesco dotato di gomme Hypersoft è arrivato a 1'34"488 precedendo la Red Bull di Max Verstappen di appena 50 millesimi di secondo. Sebastian ha iniziato la sessione in ritardo per un piccolo problema sulla Rossa subito risolto: sulla sua monoposto sono state montate le novità tecniche (ala anteriore e turning vanes), mentre Kimi Raikkonen ha fatto delle prove comparative con la vecchia configurazione, prima di adeguarsi al suo capitano per l'ultimo run.

Positivo l'approccio della Ferrari molto modificata, anche se Iceman è rimasto coperto con un settimo tempo a 1"208 dal compagno di squadra, segno che il finlandese ha svolto un programma di lavoro differenziato.

Verstappen (come il compagno di squadra Ricciardo) dispone del nuovo motore Renault (versione Spec B) e ha potuto usare più potenza di quanto è stato concesso al pilota ferrarista per cui ha potuto facilmente avvicinarsi alla Rossa. Molto positivo il tempo colto da Lewis Hamilton che è terzo in 1'34"818 con le gomme Soft, vale a dire le più dure fra le tre mescole Pirelli a disposizione: l'inglese ha pagato 330 millesimi a Vettel quando dovrebbe ballare molto più di un secondo. L'inglese ha commesso molti errori specie alla Curva 2 finendo spesso lungo, ma senza conseguenze per la W09.

Quarto è Valtteri Bottas con la seconda freccia d'argento: il finlandese con 1'34"999 è staccato poco più di un decimo dal campione del mondo su una pista dove va sempre molto forte. Questo è il gruppo di testa, mentre Daniel Ricciardo, quinto, apre il secondo blocco: l'australiano ha lasciato più di un secondo, ma ha dovuto interrompere la sessione per una fumata preoccupante nel retrotreno della sua RB14.

E così non deve sorprendere se a ridosso della vettura di Milton Keynes sia arrivata la Force India di Esteban Ocon che si è tolto il gusto di lasciarsi alle spalle la Rossa di Kimi Raikkonen. Il confermato dalla Haas, Kevin Magnussen ha portato la VF-18 all'ottavo posto, davanti alla Renault di Nico Hulkenberg e alla Sauber di Antonio Giovnazzi.

Quattro i piloti tester che hanno preso il posto dei titolari in FP1: si tratta di Antonio Giovinazzi che è salito sulla Sauber di Marcus Ericsson, Lando Norris sulla McLaren di Fernando Alonso, Nicholas Latifi sulla Force India di Sergio Perez e, infine, Artem Markelov al debutto sulla Renault di Carlos Sainz.

Giovinazzi ha saputo sfruttare la gomma Hypersoft nel primo giro, mentre Charles Leclerc, 14esimo, ha accusato dei problemi di bilanciamento. L'italiano, galvanizzato dall'idea di disputare l'intera stagione 2019 con il team svizzero, ha dato spettacolo dimostrando di meritare la promozione a pilota titolare.

Fuori dalla top ten c'è Romain Grosjean con la seconda Haas davanti a Pierre Gasly con la Toro Rosso e Lando Norris con la McLaren: l'inglesino ha cercato le prestazioni, mentre Stoffel Vandoorne con la seconda MCL33 ha lavorato sui long run non andando oltre il 16esimo posto.

Artom Markelov al debutto con la Renault ha pagato nove decimi da Hulkenberg e si è beccato anche 200 euro di multa per non aver rispettato gli 80 km/h in pit lane, ma ha fatto meglio di Nicholas Latifi 17esimo sulla Force India.

Brendon Hartley con la STR13-Honda ha finito fra le due Williams con Sergey Sirotkin davanti a Lance Stroll, ultmissimo, ma alle prese con seri problemi di bilanciamento dei freni.

Pos Pilota Vettura/Motore                Tempo
           Gap  Giri
Sebastian Vettel Ferrari 1'34.488   19
Max Verstappen Red Bull/TAG Heuer 1'34.538 0.050 22
Lewis Hamilton Mercedes 1'34.818 0.330 23
Valtteri Bottas Mercedes 1'34.999 0.511 28
Daniel Ricciardo Red Bull/TAG Heuer 1'35.524 1.036 11
Esteban Ocon Force India/Mercedes 1'35.663 1.175 24
Kimi Raikkonen Ferrari 1'35.696 1.208 19
Kevin Magnussen Haas/Ferrari 1'36.196 1.708 21
Nico Hulkenberg Renault 1'36.274 1.786 18
10  Antonio Giovinazzi Sauber/Ferrari 1'36.712 2.224 22
11  Romain Grosjean Haas/Ferrari 1'36.816 2.328 23
12  Pierre Gasly Toro Rosso/Honda 1'36.944 2.456 25
13  Lando Norris McLaren/Renault 1'37.022 2.534 25
14  Charles Leclerc Sauber/Ferrari 1'37.054 2.566 24
15  Artem Markelov Renault 1'37.183 2.695 22
16  Stoffel Vandoorne McLaren/Renault 1'37.187 2.699 27
17  Nicholas Latifi Force India/Mercedes 1'37.206 2.718 24
18  Sergey Sirotkin Williams/Mercedes 1'37.225 2.737 25
19  Brendon Hartley Toro Rosso/Honda 1'37.944 3.456 28
20  Lance Stroll Williams/Mercedes 1'39.137 4.649 13
Prossimo articolo Formula 1
Haas: è stata ufficializzata la conferma di Grosjean e Magnussen per il 2019

Articolo precedente

Haas: è stata ufficializzata la conferma di Grosjean e Magnussen per il 2019

Articolo successivo

Power unit nuove per Alonso, le Red Bull e le Toro Rosso: vanno tutti in fondo alla griglia di Sochi

Power unit nuove per Alonso, le Red Bull e le Toro Rosso: vanno tutti in fondo alla griglia di Sochi
Carica i commenti