F1, Silverstone, Libere 2: Verstappen e poi ci sono le Ferrari

La seconda sessione di prove libere del GP di Gran Bretagna si è disputata con tutte le monoposto vincolate dal regime di parco chiuso. Nessuno ha cercato delle prestazioni, mentre ci sono squadre (Red Bull) che hanno iniziato il turno lavorando sulla Sprint Qualifying, mentre altri (Mercedes) si sono concentrati di più sul long run utile al GP con il pieno di carburante. Bene le Ferrari subito a ridosso della RB16B di Verstappen.

F1, Silverstone, Libere 2: Verstappen e poi ci sono le Ferrari

La seconda sessione di prove libere del GP di Gran Bretagna è servita solo a fare delle prove di long run, con le monoposto che non possono essere modificate perché in regime di parco chiuso dall'inizio delle qualifiche di ieri. Il format del weekend inglese è stato rivoluzionato in funzione della Sprint Qualifying, la gara di 17 giri di questo pomeriggio.

Non ha molto senso, quindi, fare delle valutazioni dei tempi di questo turno, cercando solo di discernere se i team hanno lavorato preparando la "garetta" che vale la pole position, o per il Gran Premio di domani.

E allora si spiega come mai Max Verstappen sia davanti a tutti con un 1'29"902 ottenuto con una mescola media: l'olandese ha completato 19 giri simulando la Sprint Qualifying, girando con circa 45 chili di carburante nel serbatoio, mentre solo negli ultimi dieci minuti l'olandese ha lavorato con il pieno, pensando alla domenica e trovando subito un passo impressionante, migliore di quello tenuto dalle Mercedes.

Alle spalle della Red Bull dell'olandese sono spuntate le due Ferrari che hanno differenziato l'attività: Charles Leclerc ha iniziato la sessione con le gomme hard, mentre Carlos Sainz si è dedicato alle medie. I due hanno dedicato l'attenzione alla durata per il GP prima di passare rispettivamente alle medie e alle rosse mostrando un tempo di attacco al mini long run molto interessante.

Il monegasco è arrivato a tre decimi dalla RB16B, mentre lo spagnolo con 1'30"507 si è fermato a sei decimi. Charles si è lamentato del degrado delle medie, specie all'anteriore, mentre Sainz con una mescola più morbida è riuscito a tenere un passo più regolare.

La sensazione, quindi, è che la gomma per la SQ possa anche diventare la gomma rossa, vale a dire la più morbida che non ha problemi di degrado sulla distanza dei 17 giri, mentre a tavolino sembrava che il pneumatico giusto sarebbe stato quello giallo.

Le due Mercedes sono solo ottava con Lewis Hamilton e nona con Valtteri Bottas: il team di Brackley non ha dedicato particolare attenzione alla garetta del sabato, preferendo preparare il GP con oltre 90 chili di carburante valutando le gomme rosse e bianche e rimediando un distacco di 1"1 dalla vetta che è in linea con le differenti soluzioni adottate.

Esteban Ocon con l'Alpine è stato il primo a completare la distanza della SQ con le gomme rosse e si è portato al quarto posto davanti a Sergio Perez con la seconda Red Bull e alle due McLaren di Lando Norris e Daniel Ricciardo che hanno viaggiato di conserva davanti al campione del mondo in carica.

Ora gli ingegneri dovranno elaborare i dati raccolti in questa strana sessione nella quale nessuno ha cercato di sparare un tempo: la gomma soft regge la distanza del sabato ed è diventata un'opzione possibile. Non è da escludere che ci siano team che diversifichino le scelte fra i piloti: magari conservativi con chi scatta più avanti e più aggressivi con chi spera di recuperare delle posizioni sulla griglia rispetto alle qualifiche. Le risposte le avremo alle 18,30...

Cla Pilota Telaio Giri Tempo Distacco Distacco km orari
1 Netherlands Max Verstappen
Red Bull 23 1'29.902 235.896
2 Monaco Charles Leclerc
Ferrari 30 1'30.277 0.375 0.375 234.916
3 Spain Carlos Sainz Vázquez de Castro
Ferrari 29 1'30.507 0.605 0.230 234.319
4 France Esteban Ocon
Alpine 31 1'30.707 0.805 0.200 233.803
5 Mexico Sergio Pérez Mendoza
Red Bull 27 1'30.800 0.898 0.093 233.563
6 United Kingdom Lando Norris
McLaren 24 1'31.030 1.128 0.230 232.973
7 Australia Daniel Ricciardo
McLaren 23 1'31.034 1.132 0.004 232.963
8 United Kingdom Lewis Carl Davidson Hamilton
Mercedes 28 1'31.131 1.229 0.097 232.715
9 Finland Valtteri Bottas
Mercedes 27 1'31.180 1.278 0.049 232.590
10 France Pierre Gasly
AlphaTauri 31 1'31.188 1.286 0.008 232.570
11 United Kingdom George Russell
Williams 24 1'31.237 1.335 0.049 232.445
12 Italy Antonio Maria Giovinazzi
Alfa Romeo 29 1'31.263 1.361 0.026 232.378
13 Spain Fernando Alonso
Alpine 27 1'31.289 1.387 0.026 232.312
14 Finland Kimi-Matias Räikkönen
Alfa Romeo 26 1'31.328 1.426 0.039 232.213
15 Canada Nicholas Latifi
Williams 30 1'31.337 1.435 0.009 232.190
16 Japan Yuki Tsunoda
AlphaTauri 32 1'31.404 1.502 0.067 232.020
17 Germany Sebastian Vettel
Aston Martin 34 1'31.593 1.691 0.189 231.541
18 Canada Lance Stroll
Aston Martin 31 1'32.041 2.139 0.448 230.414
19 Russian Federation Nikita Mazepin
Haas 31 1'32.474 2.572 0.433 229.335
20 Germany Mick Schumacher
Haas 28 1'34.017 4.115 1.543 225.571
condividi
commenti
LIVE Formula 1, Gran Premio di Gran Bretagna: Libere 2

Articolo precedente

LIVE Formula 1, Gran Premio di Gran Bretagna: Libere 2

Articolo successivo

Ferrari: promosso il fondo con i tre generatori di vortice

Ferrari: promosso il fondo con i tre generatori di vortice
Carica i commenti