Perez: "Se c'è un trattore ci vuole la safety car"

Il messicano spiega di non ritenere accettabile il rischio a cui vengono esposti piloti e commissari

Perez:

Appena arrivato a Sochi, Sergio Perez è tornato a parlare del grave incidente di Jules Bianchi, dicendo che secondo lui quanto accaduto al francese non è accettabile. Il pilota della Force India si è infatti schierato con coloro che ritengono che la presenza di un mezzo pesante a bordo pista dovrebbe portare all'ingresso in pista della safety car senza se e senza ma.

"Non è accettabile quello che è successo a Suzuka e dobbiamo guardare alle risposte che ci darà la FIA su quanto è accaduto in questo tragico incidente, ma anche accertarci che ci ascolteranno" ha detto il messicano.

"Quando c'è un trattore che sta recuperando una vettura, abbiamo bisogno della safety car a prescindere dalle condizioni, perché c'è sempre un rischio. I commissari sono esposti al rischio, ma abbiamo visto che non sono gli unici, quindi serve la safety car se c'è un trattore in pista" ha aggiunto.

"Un pilota potrebbe anche rimanere senza freni, ma potrebbero anche esserci molti altri fattori non considerati. Se c'è un trattore anche un problema piccolo può diventare molto grande e non si può esporre nessuno a questo genere di rischio" ha concluso.

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Articolo di tipo Ultime notizie