Pirelli cambierà le gomme 2021 col supporto FIA

In un incontro con la stampa Mario Isola, responsabile quattro ruote di Pirelli Motorsport, e Nikolas Tombazis, capo tecnico della FIA per le monoposto, hanno ufficializzato che la Casa milanese rivedrà la costruzione degli pneumatici per la prossima stagione e la Federazione provvederà a un secondo taglio dell'aerodinamica visto che quello del fondo non sarà sufficiente: si toglieranno anche le alette dalle brake duct.

Pirelli cambierà le gomme 2021 col supporto FIA

FIA e Pirelli hanno in programma degli interventi mirati a migliorare la convivenza tra l’attuale generazione di pneumatici (deliberata nel 2019 e successivamente confermata fino al 2021) e le attuali monoposto che continuano ad aumentare i valori di carico aerodinamica con l’incalzare degli sviluppi aerodinamici.

Si tratta di una serie di misure che entreranno in vigore nel 2021, quando si prevede che i valori di carico avranno un ulteriore incremento poiché non esistono vincoli di congelamento sul fronte aerodinamico.

Sin dalla scorsa primavera si sono valutati interventi per cercare di limitare il downforce, e la questione è tornata di attualità dopo le difficoltà riscontrate nel Gran Premio di Gran Bretagna a Silverstone.

Il lavoro pianificato si svolgerà su due fronti, con la Pirelli che proverà delle piccole modifiche nel corso di due sessioni FP2.
“Non saranno grandi novità poiché il tempo a disposizione è molto limitato – ha spiegato Mario Isola – ma comunque saranno delle modifiche nella direzione che ci interessa”.

Al lavoro della Pirelli sarà affiancato quello della FIA. Dopo aver già approvato una modifica al fondo delle monoposto (per la stagione 2021), i delegati tecnici della Federazione Internazionale stanno valutando altri interventi per cercare di riportare il carico aerodinamico delle monoposto 2021 sugli stessi valori di fine 2019.

Il fondo subirà un altro intervento, e ci saranno altre modifiche che riguarderanno dettagli aerodinamici, come l’abolizione delle alette poste sopra le brake-duct posteriori.

L’obiettivo è di ridurre quello che sarebbe stato il valore stimato del carico aerodinamico di inizio 2021 del dieci per cento, riportando i valori di downforce indietro di una stagione, ovvero una configurazione tecnica in linea con il contesto in cui è stata deliberata l’attuale generazione di pneumatici.

condividi
commenti
Vettel deluso: "Stiamo ancora cercando l'assetto ideale"

Articolo precedente

Vettel deluso: "Stiamo ancora cercando l'assetto ideale"

Articolo successivo

Binotto: "Il valore della Ferrari non è quello visto ieri"

Binotto: "Il valore della Ferrari non è quello visto ieri"
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie Formula 1
Evento GP del Belgio
Location Spa-Francorchamps
Autore Roberto Chinchero