Formula 1
19 set
-
22 set
Evento concluso
26 set
-
29 set
Evento concluso
10 ott
-
13 ott
Evento concluso
24 ott
-
27 ott
Evento concluso
01 nov
-
03 nov
Evento concluso
14 nov
-
17 nov
Evento concluso

Motore di Leclerc: rilevati ad Austin 18 cv meno di Mercedes

condividi
commenti
Motore di Leclerc: rilevati ad Austin 18 cv meno di Mercedes
Di:
7 nov 2019, 11:19

Il ritorno al Ferrari EVO 2 di Leclerc nel GP degli Stati Uniti è costato al monegasco in termini prestazionali. La specifica meno spinta rispetto all'unità che ha debuttato a Monza e l'invecchiamento del 6 cilindri giunto quasi a fine chilometraggio hanno avuto un prezzo che è stato misurato con le rilevazioni fonometriche.

Diciotto cavalli in meno dei mille soliti. È questa la potenza del motore EVO 2 registrata con le rilevazioni fonometriche nel GP degli Stati Uniti sulla Ferrari di Charles Leclerc nel confronto diretto con la power unit Mercedes di Valtteri Bottas che ha vinto.

Le power unit di Honda, a dispetto di quanto va dicendo Helmut Marko a sostegno dei giapponesi, e di Renault sono risultate abbondantemente staccate dai due motoristi di riferimento del Circus, dimostrando quanto il “marketing tecnico” sia un aspetto in uso costante nel paddock.

Leggi anche:

I dati che siamo riusciti a raccogliere dopo la contestatissima gara americana (Charles ha concluso quarto a 52 secondi da Bottas) confermano la tesi della Scuderia che avrebbe caricato l’aerodinamica della SF90 e ha dovuto fare ricorso al motore 2 quasi arrivato al limite del chilometraggio (aveva fatto il suo debutto in Canada e ha corso con Charles fino alla vittoria di Spa, prima di tornare a Singapore) dopo il cedimento dell’EVO3 nel primo giro delle libere del sabato mattina.

I numeri si riferiscono ovviamente solo alla Rossa del monegasco, visto che quella di Sebastian Vettel non è mai stata in grado di esprimere il suo pieno potenziale per il cedimento della sospensione posteriore destra sul pezzo di dosso che non è stato fresato dagli organizzatori USA già alla partenza del GP.

Il barbarico attacco di Max Verstappen nel quale il pilota Red Bull ha accusato la squadra di Maranello di aver barato sull’uso della benzina fino alla direttiva tecnica della FIA che ha chiarito i limiti di legalità nell’uso del flussometro, non trova giustificazione nel calo delle velocità massime delle Rosse, alle prese con problemi indiscutibili.

Scorrimento
Lista

Charles Leclerc, Ferrari

Charles Leclerc, Ferrari
1/18

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF90

Charles Leclerc, Ferrari SF90
2/18

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF90, ai box

Charles Leclerc, Ferrari SF90, ai box
3/18

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF90, sulla griglia

Charles Leclerc, Ferrari SF90, sulla griglia
4/18

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari

Charles Leclerc, Ferrari
5/18

Foto di: Joe Portlock / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF90

Charles Leclerc, Ferrari SF90
6/18

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Valtteri Bottas, Mercedes AMG W10, precede Sebastian Vettel, Ferrari SF90, Max Verstappen, Red Bull Racing RB15, Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10, Charles Leclerc, Ferrari SF90, Alexander Albon, Red Bull RB15, e il resto del gruppo, alla partenza

Valtteri Bottas, Mercedes AMG W10, precede Sebastian Vettel, Ferrari SF90, Max Verstappen, Red Bull Racing RB15, Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10, Charles Leclerc, Ferrari SF90, Alexander Albon, Red Bull RB15, e il resto del gruppo, alla partenza
7/18

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF90

Charles Leclerc, Ferrari SF90
8/18

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari

Charles Leclerc, Ferrari
9/18

Foto di: Simon Galloway / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF90, precede Valtteri Bottas, Mercedes AMG W10

Charles Leclerc, Ferrari SF90, precede Valtteri Bottas, Mercedes AMG W10
10/18

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF90

Charles Leclerc, Ferrari SF90
11/18

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF90, precede Charles Leclerc, Ferrari SF90

Sebastian Vettel, Ferrari SF90, precede Charles Leclerc, Ferrari SF90
12/18

Foto di: Simon Galloway / Motorsport Images

Il casco di Charles Leclerc, Ferrari

Il casco di Charles Leclerc, Ferrari
13/18

Foto di: Ferrari

Il casco di Charles Leclerc, Ferrari

Il casco di Charles Leclerc, Ferrari
14/18

Foto di: Ferrari

Charles Leclerc, Ferrari SF90

Charles Leclerc, Ferrari SF90
15/18

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

La monoposto di Charles Leclerc, Ferrari SF90

La monoposto di Charles Leclerc, Ferrari SF90
16/18

Foto di: Giorgio Piola

La monoposto di Charles Leclerc, Ferrari SF90

La monoposto di Charles Leclerc, Ferrari SF90
17/18

Foto di: Giorgio Piola

Charles Leclerc, Ferrari, and Sebastian Vettel, Ferrari, talk after Qualifying

Charles Leclerc, Ferrari, and Sebastian Vettel, Ferrari, talk after Qualifying
18/18

Foto di: Jerry Andre / Motorsport Images

La Ferrari ha reagito con le dure parole di Mattia Binotto che ha avuto un faccia a faccia con Christian Horner chiedendo le scuse dell’olandese che, a quanto pare, non sono arrivate. Le rilevazioni fonometriche effettuate da un ente terzo hanno accreditato lo scenario del Cavallino. E allora chi sarebbe il furbo della compagnia?

Detto questo nel Reparto Corse dovranno valutare proprio in queste ore se Leclerc concluderà la stagione con l'EVO 2 oppure pagherà pegno in Brasile per sdoganare una quarta unità fresca che, magari, potrà godere di ulteriori aggiornamenti tecnici...

 

Articolo successivo
Retroscena Mercedes: ecco perché Hamilton era lento in Q3

Articolo precedente

Retroscena Mercedes: ecco perché Hamilton era lento in Q3

Articolo successivo

Pirelli: test con gomme da 18" e la McLaren al Paul Ricard

Pirelli: test con gomme da 18" e la McLaren al Paul Ricard
Carica i commenti