Mercedes: per la FIA corre Russell, ma Wolff chiama Hamilton

Nella conferenza stampa della Federazione Internazionale ci sarà Russell a rappresentare la Mercedes accanto a Bottas, ma Toto si augura che il recupero di Lewis sia rapido e possa raggiungere la squadra ad Abu Dhabi in tempo per disputare le qualifiche. Perché c'è tanta fretta per un rientro del campione del mondo dopo il virus? Le W11 avranno una livrea speciale con i nomi di tutti i membri di Brackley e Brixworth.

Mercedes: per la FIA corre Russell, ma Wolff chiama Hamilton

Chi correrà sulla Mercedes al fianco di Valtteri Bottas? Se diamo retta alla comunicazione della FIA, nella conferenza di giovedì che precede il GP di Abu Dhabi George Russell parlerà come conduttore della Stella e Jack Aitken ancora come pilota della Williams. Segno che Lewis Hamilton non dovrebbe essere della partita.

La Mercedes, però, nel suo comunicato fa sapere che farà “tutto il possibile” affinché il sette volte campione del mondo possa tornare al volante della sua W11 #44 nel GP che chiude la stagione 2020 dopo aver contratto il COVID-19.

Il pilota inglese è stato costretto a saltare il Gran Premio di Sakhir dello scorso fine settimana dopo essere risultato positivo al virus. Lewis è stato in auto isolamento nell’hotel dove era ospite in Bahrain dal momento in cui è risultato positivo al primo tampone.

Il periodo di 10 giorni di quarantena previsto in questi casi scadrà domani e Hamilton avrebbe ripreso ad allenarsi dopo aver lottato con i sintomi del virus restando a letto.

Toto Wolff, team principal della Mercedes, ci ha tenuto a far sapere che la priorità della squadra è quella di far tornare Hamilton se sarà dichiarato idoneo per correre…

"Ci sono ancora alcuni punti interrogativi su chi andrà in macchina nel fine settimana di Abu Dhabi - ha spiegato il team principal Toto Wolff - le condizioni di Lewis stanno migliorando, ma non sapremo fino all’ultimo se potrà guidare”.

“Faremo tutto il possibile per farlo tornare e sappiamo che è determinato a riprendere il suo posto il prima possibile. Ma la sua salute è la nostra priorità principale, quindi valuteremo la sua situazione e poi decideremo".

Per entrare negli Emirati Arabi Uniti Lewis deve disporre di quattro tamponi negativi, oltre al permesso dei funzionari governativi che sovrintendono al protocollo di sicurezza che è stato instaurato per questa gara.

L'intero paddock della F1 è blindato a Yas Island, dove si trova il circuito: tutto il Circus si è spostato dal Bahrain con speciali voli charter. La squadra di Brackley può aspettare Hamilton fino alle qualifiche. Ricorderete che Nico Hulkenberg era salito sulla Racing Point di Lance Stroll al GP dell’Eifel solo in occasione della sessione cronometrata del sabato.

Le indiscrezioni dicono che Wolff spinge per rivedere il pilota titolare sulla freccia nera, mentre in Mercedes c’è chi preferirebbe che non si precorressero i tempi della guarigione di Lewis, dandogli il tempo necessario per tornare in piena forza, avendo l’opportunità di vedere ancora George Russell sulla W11.

Chi la spunterà? Lo scopriremo nelle prossime ore, ma non dimentichiamoci il dissidio che si era aperto fra il team principal che voleva che le Mercedes corressero in Australia e il presidente di Daimler AG, Ola Kallenius, che impose lo stop delle monoposto dopo il primo caso di Coronavirus nel paddock.

La Mercedes, inoltre, ha fatto sapere che modificherà la livrea della sua monoposto per sabato e domenica ad Abu Dhabi: sulle carrozzerie compariranno tutti i nomi dei membri del team.

“Sabato e domenica correremo con una livrea leggermente diversa con il nome di tutti i membri di Brackley e Broxworth per onorare l'enorme impegno e determinazione nella conquista dei due mondiali”.

condividi
commenti
Ferrari: qual è il profilo dei due nuovi acquisti di Maranello?
Articolo precedente

Ferrari: qual è il profilo dei due nuovi acquisti di Maranello?

Articolo successivo

Ferrari: perché il dado (del pit stop) non è tratto

Ferrari: perché il dado (del pit stop) non è tratto
Carica i commenti