Marko: "Non ci saranno più ordini di scuderia"

Per evitare situazioni come quella di Sepang, la Red Bull è pronta a lasciare liberi i suoi piloti

Marko:
"Non ci saranno più ordini di scuderia da parte nostra". Il messaggio piuttosto chiaro e categorico lo ha mandato oggi Helmut Marko, in un'intervista rilasciata alla Sport Bild. A quanto pare, secondo il braccio destro di Dietrich Mateschitz all'interno della Red Bull Racing il modo migliore per evitare il ripetersi di polemiche simili a quelle viste nel dopo gara di Sepang, dove Sebastian Vettel ha attaccato e superato Mark Webber nonostante gli fosse stato chiesto di congelare le posizioni, è quello di lasciare che i piloti siano liberi di lottare tra di loro senza imposizioni da parte della squadra. Marko ha infatti ammesso anche Mateschitz era piuttosto seccato da quanto accaduto in Malesia, non tanto per l'attacco di Vettel, ma per il polverone mediatico (ma anche all'interno del team) che ne è scaturito dopo. Per questo la squadra di Milton Keynes sembrerebbe orientata ad a questa sorta di ritorno al passato. Del resto, Christian Horner e soci si sono sempre detti contrari agli ordini di scuderia in passato, lasciando sempre i propri piloti liberi di lottare (un esempio lo abbiamo avuto con l'incidente in Turchia del 2010), ma questo politica ha dato anche i suoi frutti, visto che in bacheca sono arrivati tre titoli piloti con Vettel e altrettanti nel Costruttori. Evidentemente la domanda deve essere sorta spontanea: perchè cambiare un qualcosa che ha sempre funzionato?

Diventa parte di qualcosa di grande

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Piloti Mark Webber , Sebastian Vettel
Articolo di tipo Ultime notizie