F1: Domenicali boccia il format del weekend di due giorni

Stefano Domenicali ha rigettato l'idea di una modifica del format del weekend di gara dichiarando fedeltà al programma di 3 giorni per soddisfare le richieste dei promoter degli eventi.

F1: Domenicali boccia il format del weekend di due giorni

Al fine di aumentare il numero di gare in calendario negli anni futuri la Formula 1 aveva preso in considerazione l’idea di rendere i weekend di gara più compatti ed eliminare il venerdì di prove libere per far scendere in pista le vetture soltanto il sabato e la domenica.

Questa idea è tornata alla ribalta lo scorso anno, quando il Circus della F1 ha disputato il Gran Premio dell’Emilia Romagna ad Imola subito dopo aver affrontato la trasferta di Portimao.

Il fatto che questo format sia stato considerato un successo sia per i team che per gli appassionati ha riportato in auge la questione, ma Stefano Domenicali ha messo a tacere ogni speculazione sottolineando come i promoter preferiscano mantenere il programma di tre giorni così da massimizzare le vendite dei biglietti e le entrate.

Il nuovo amministratore delegato della F1, parlando in un video pubblicato sul sito F1.com, ha spento sul nascere ogni possibilità di un format di due soli giorni.

“Tutti gli organizzatori vogliono offrire un’esperienza completa al pubblico e noi dobbiamo rispettare questa decisione”.

Lo scorso anno anche il programma del GP dell’Eifel al Nurburgring si è svolto su due soli giorni, ma in quel caso la cancellazione della giornata di prove del venerdì è stata determinata dalle pessime condizioni meteo che hanno colpito il tracciato.

Al termine di quel weekend, Lewis Hamilton ha evidenziato i vantaggi di un format ridotto a due soli giorni di attività in pista.

“Ci sono 22 giorni in meno di prove con 20 auto che inquinano l’aria e questo è positivo per il pianeta”.

“Dal punto di vista del pilota, però, ha resto tutto più difficile. Normalmente nelle due sessioni del venerdì hai il tempo di provare differenti modifiche di set-up e se hai problemi c’è tutto il tempo per recuperare”.

“Quando hai la possibilità di girare solo al sabato hai una sola sessione per andare da subito al massimo e trovare la messa a punto corretta prima delle qualifiche. In quel caso tutto è stato più difficile”.

Nel medesimo video, Domenicali ha infine aperto alla possibilità che la Formula 1 possa disputare una gara in Africa entro i prossimi cinque anni e ad un secondo round negli Stati Uniti entro i prossimi tre.

condividi
commenti
GP di Imola: la simulazione detta un tempo da pole di 1'15"

Articolo precedente

GP di Imola: la simulazione detta un tempo da pole di 1'15"

Articolo successivo

Verstappen riuscirà a vincere la "maledizione" dei GP italiani?

Verstappen riuscirà a vincere la "maledizione" dei GP italiani?
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie Formula 1
Autore Jonathan Noble