F1, Alfa Romeo: Mick Schumacher ha fatto il sedile per la C39

Mick ha fatto il sedile a Hinwil. Al Gran Premio dell'Eifel che si terrà al Nurburgring farà il suo esordio in Formula 1 nelle Libere 1 al volante dell'Alfa Romeo C39 di Antonio Giovinazzi.

F1, Alfa Romeo: Mick Schumacher ha fatto il sedile per la C39

Mick Schumacher si avvicina sempre più agli obiettivi principali che ha in questo momento della sua carriera nel motorsport. Il titolo di FIA Formula 2 è ormai a un passo. Per essere celebrato, manca solo il fine settimana di Abu Dhabi che, però, si terrà fra un paio di mesi.

Nel frattempo, complice un'annata a dir poco convincente, il tedesco figlio del grande Michael Schumacher potrà godersi il debutto in Formula 1 - suo prossimo obiettivo - che avverrà esattamente tra una settimana al Gran Premio dell'Eifel.

Sul tracciato del Nurburgring Mick prenderà parte al primo turno di prove libere dell'11esimo appuntamento del Mondiale 2020 di Formula 1, quando scenderà in pista al volante dell'Alfa Romeo C39.

Schumacher prenderà il posto di Antonio Giovinazzi nel primo turno di libere, riportando così uno Schumacher in Formula 1 a 8 anni esatti dall'ultimo Gran Premio del Brasile 2012, quando papà Michael disputò l'ultima gara in Formula 1 della carriera al volante di una Mercedes F1 W03.

Nell'attesa di fare il proprio debutto al Nurburgring, Mick è stato nella sede del team che ha base a Hinwil, in Svizzera, per fare il sedile con cui girerà venerdì prossimo.

Il sedile è stato fatto regolarmente nella giornata odierna, dunque Mick ora potrà concentrarsi esclusivamente sulla preparazione che lo porterà a compiere il grande passo, in attesa di fare quello definitivo nella prossima stagione quando potrebbe trovare posto nel team Haas F1.

condividi
commenti
F1, casi di COVID in aumento: 10 positivi negli ultimi 5 giorni
Articolo precedente

F1, casi di COVID in aumento: 10 positivi negli ultimi 5 giorni

Articolo successivo

Honda: prima del ritiro ci sarà un motore evoluto

Honda: prima del ritiro ci sarà un motore evoluto
Carica i commenti