Calendario F1: anticipa l'Ungheria e si salva Silverstone

Boris Johnson vuole salvare il GP di Gran Bretagna e la F1 sposta la doppia gara inglese nei primi weekend di agosto. E allora dopo i due appuntamenti in Austria si andrà in Ungheria per cui torna in dubbio la Germania.

Calendario F1: anticipa l'Ungheria e si salva Silverstone

Lo sforzo della federazione inglese e di Liberty Media potrebbe essere premiato. Le ultime indicazioni in merito al Gran Premio di Gran Bretagna riportano una situazione sbloccata, ovvero il ritorno di Silverstone nella bozza del calendario del Mondiale 2020.

Il condizionale è d’obbligo visto che il contesto in cui stanno operando Formula 1, promoter e rappresentanti del governo britannico non è dei più stabili, ma c’è la ferma volontà di non rinunciare ad un appuntamento che è sempre stato in calendario dal 1950.

Le informazioni che arrivano dall’Inghilterra collocano la doppia gara di Silverstone il 2 e 9 agosto, dopo una settimana di stop (il 26 luglio). Tutto fa pensare ad una deroga che consentirà al personale di Formula 1 di non dover sottostare alle restrizioni previste dal regime di quarantena.

Anche lo slittamento in avanti di due settimane sulla programmazione originale non sono casuali, perché la speranza è quella di arrivare a Silverstone senza le misure restrittive attualmente in vigore.

Con il punto fermo della partenza in Austria il 5 e 12 luglio, il rientro di Silverstone farebbe saltare la doppia gara di Hockenheim e, secondo gli ultimi sviluppi, ad essere in dubbio è la stessa trasferta tedesca, visto che dopo la tappa austriaca ha preso quota la possibilità di fare rotta su Budapest. Se sarà confermata come sede della terza gara 2020 l’Hungaroring, sarà Barcellona ad occupare la data del 16 agosto. Nessuna variazione sulle trasferte di Spa e Monza, programmate rispettivamente il 30 agosto e il 6 settembre per chiudere la stagione europea.

condividi
commenti
F1, il McLaren Group licenzierà 1200 dipendenti!
Articolo precedente

F1, il McLaren Group licenzierà 1200 dipendenti!

Articolo successivo

Top 10: le monoposto più brutte ad aver vinto un GP di F1

Top 10: le monoposto più brutte ad aver vinto un GP di F1
Carica i commenti