Dakar 2022 | Auto
Topic

Dakar 2022 | Auto

Guida Dakar 2022 | tappe, orari e tutto quello che c'è da sapere

Scopri tutte le informazioni che devi sapere per seguire la Dakar 2022: partecipanti, orari e tanti altri dettagli.

Guida Dakar 2022 | tappe, orari e tutto quello che c'è da sapere

La 44° edizione della Dakar inizierà l'1 gennaio a Jeddah e si terrà interamente all'interno del territorio saudita per la terza volta consecutiva. Gli organizzatori hanno modificato ancora una volta il percorso, che sarà nuovo al "60-70%". Dopo il prologo e 12 tappe, si concluderà poi nella stessa città in cui prenderà il via.

I 578 veicoli iscritti percorreranno 8.177 chilometri, dei quali poco più della metà saranno cronometrati (4.254).

Il percorso della Dakar 2022

La Dakar 2022 avrà una sola tappa Marathon - senza assistenza da parte delle squadre - ma gli organizzatori l'hanno collocata molto prima del solito. Sarà disputata infatti a cavallo tra la seconda e la terza tappa (3-4 gennaio) ad Al Artawiyah.

La prima giornata sarà la più lunga con 834 km da percorrere, anche se solamente i 19 km del prologo saranno cronometrati. La prova speciale più lunga sarà quella della quarta tappa, tra Al Qaisuma e Riyadh, con 465 km. Il traguardo sarà sulle rive del Mar Rosso per provare a rievocare i giorni della Dakar in Africa, con l'arrivo al Lago Rosa della capitale senegalese.

Data Tappa Partenza Arrivo Km SS Totale
Sabato 1 1A Jeddah

Ha’il

19 834
Domenica 2 1B

Ha’il

Ha’il

334 546
Lunedì 3 2

Ha’il

Al Artawiyah

339 585
Martedì 4 3

Al Artawiyah

Al Qaisumah 368 554
Mercoledì 5 4 Al Qaisumah

Riyadh

465 707
Giovedì 6 5

Riyadh

Riyadh 348 563
Venerdì 7 6

Riyadh

Riyadh 421 635
Sabato 8 Riposo Riyadh      
Domenica 9 7 Riyadh

Al Dawadimi

401 700
Lunedì 10 8

Al Dawadimi

Wadi Ad-Dawasir

394 828
Martedì 11 9

Wadi Ad-Dawasir

Wadi Ad-Dawasir

287 490
Mercoledì 12 10

Wadi Ad-Dawasir

Bisha

374 757
Giovedì 13 11

Bisha

Bisha

345 500
Venerdì 14 12

Bisha

Jeddah 163 676

I partecipanti alla Dakar 2022

Il numero dei partecipanti si sta riprendendo dopo il calo dell'anno scorso, dovuto alla pandemia. Anche se ASO non ha potuto soddisfare tutte le richieste, ci sarà un totale di 1065 concorrenti - COVID permettendo - di cui 750 saranno piloti e co-piloti e 315 saranno nella categoria classic (149 moto, 97 auto, 58 camion, 44 T3, 61 T4, 128 auto storiche e 20 camion storici).

Ci saranno 209 debuttanti e 130 leggende, mentre saranno 34 i motociclisti che prenderanno parte alla Original by Motul. Sale a 60 il numero delle donne in gara, 34 delle quali saranno nella classic.

Nella categoria auto, Stephane Peterhansel tenterà di ripetere il trionfo del 2021, questa volta al volante dell'Audi elettrica, così come l'altro veterano Carlos Sainz. Nasser Al-Attiyah è tra i favoriti con la Toyota, ma bisognerà capire anche la crescita del progetto della Prodrive, che schiera piloti di esperienza come Nani Roma, Sebastien Loeb ed Orlando Terranova.

Passando alle moto, Honda ha perso il vincitore della passata edizione Kevin Benavides, ma schiererà il campione 2020 Ricky Brabec, insieme a Joan Barreda, Nacho Cornejo e Pablo Quintanilla. KTM punta su un tridente di lusso affiancando Matthias Walkner e Toby Price a Benavides. Inoltre, Sam Sunderland, che lo scorso anno è arrivato secondo con la KTM, passerà alla GasGas, altro marchio del gruppo austriaco.

Le categorie della Dakar

La Dakar conta cinque categorie: moto, auto, camion, quad e lightweight. All'interno di queste poi sono presenti delle sottocategorie.

Nelle moto, dunque, ci sono i piloti d'elite (hanno finito nella top 10 nella generale o hanno vinto una prova speciale negli ultimi anni non contando i prologhi) e poi tutti gli altri. Oltre alla Original by Motul, riservata a quei piloti che corrono senza supporto dell'assistenza.

Nelle auto, ci sono tre categorie: T1 (sono conformi ai regolamenti FIA e possono essere 4x4 o 4x2, con motori benzina o diesel), T2 (4x4 standard con delle modifiche) e Open (con regole tecniche differenti da quelle della FIA).

Nei camion, ci sono tre categorie: T5.1 (regolamento FIA), T5.2 (regolamento ASO con un limite di 140 km/h) e T5.3 (assistenza veloce).

Le lightweight invece si suddividono in T3 (prototipi di preparatori specializzati) e T4 o SSV/UTV (standard).

Le moto che partecipano alla Dakar hanno una cilindrata massima di 450cc. I quad 4x2 possono avere una cilindrata di massimo 900cc, mentre i 4x4 fino a 750cc. I veicoli leggeri invece hanno una capacità massima del serbatoio di 130 litri ed un'autonomia di 250 chilometri.

I piloti e i copiloti italiani della Dakar 2022

Saranno tanti gli italiani che saranno al via di questa edizione della Dakar, con la pattuglia più nutrita che è quella dei motociclisti, che possono vantare anche un ex pilota di MotoGP come Danilo Petrucci.

Moto

46. Paolo Lucci - Husqvarna
55. Cesare Zacchetti - KTM
66. Franco Picco - Fantic
68. Paolo Catanese - Honda
71. Leonardo Tonelli - Husqvarna
73. Tiziano Internò - Husqvarna
82. Giovanni Stigliano - KTM
90. Danilo Petrucci - KTM
92. Lorenzo Piolini - KTM
93. Giovanni Gritti - Honda
119. Domenico Cipollone - KTM
121. Lorenzo Maria Fanottoli - Husqvarna
146. Elio Aglioni - KTM
156. Andrea Winkler - KTM
157. Aldo Winkler - KTM

Auto

238. Maurizio Gerini (copilota di Laia Sanz) - Mini
268. Andrea Schiumarini-Stefano Sinibaldi - Mitsubishi
272. Silvio Totani-Tito Totani - Nissan
274. Filippo Ippolito (copilota di Jesus Navarro) - Dakar Enduro

Lightweight

332. Jacopo Cerutti (copilota di Mashael Alobaidan) - Can-Am
333. Marco Carrara-Enrico Gaspari - PH-Sport Zephyr
405. Eugenio Amos-Paolo Ceci - Can-Am
423. Michele Cinotto-Maurizio Dominella - Polaris
437. Pietro Cinotto-Alberto Bertoldi - Polaris
457. Dario De Lorenzo-Aldo De Lorenzo - Polaris

Camion

531. Claudio Bellina-Bruno Gotti-Giulio Minelli - Iveco
550. Niccolò Funaioli (meccanico di Tomas Tomecek) - Tatra

Come seguire la Dakar 2022

Per quanto riguarda gli appuntamenti televisivi, Eurosport trasmetterà tutte le sere, intorno alle ore 23, gli highlights della tappa di giornata. L'appuntamento quindi è sul canale 210 o 211 di Sky, oppure sulle app DAZN, NowTV, Discovery+ e Tim Vision.

Motorsport.com sarà presente in Arabia Saudita e ogni giorno troverete sul nostro sito la cronaca, le migliori foto, gli highlights e tutte le informazioni sulla 44° edizione della Dakar.

Gli orari provvisori di partenza ed arrivo delle tappe della Dakar 2022 (partenza delle speciali)

C'è un fuso orario di due ore tra l'Arabia Saudita e l'Italia, quindi le tappe si concluderanno in mattinata.

Data Tappa Percorso Partenza prima moto Partenza prima auto / SxS / Camion Arrivo previsto prima moto

Arrivo previsto prima auto / SxS / Camion

Sabato 1 1A Jeddah-Ha’il

05:30

08:20 06:08 08:32
Domenica 2 1B

Ha’il-Ha’il

05:30 07:40 09:20 11:10
Lunedì 3 2

Ha’il-Al Artawiyah

05:20 07:30 09:13 11:03
Martedì 4 3

Al Artawiyah-Al Qaisumah

05:10 07:50 09:22 11:40
Mercoledì 5 4 Al Qaisumah-Riyadh 05:10 07:45 10:43 12:50
Giovedì 6 5

Riyadh-Riyadh

05:45 05:45 09:32 10:23
Venerdì 7 6

Riyadh-Riyadh

05:45 05:45 10:35 09:25
Sabato 8 Descanso          
Domenica 9 7 Riyadh-Al Dawadimi 05:40 08:10 10:31 12:38
Lunedì 10 8

Al Dawadimi-Wadi Ad-Dawasir

05:20 07:25 09:52 11:38
Martedì 11 9

Wadi Ad-Dawasir-Wadi Ad-Dawasir

05:00 07:00 08:12 09:56
Mercoledì 12 10

Wadi Ad-Dawasir-Bisha

05:00 07:00 09:43 11:22
Giovedì 13 11

Bisha-Bisha

05:10 07:30 09:20 11:23
Venerdì 14 12

Bisha-Jeddah

05:30 07:50 07:19 09:33

* Orario italiano

Perché la Parigi-Dakar ha cambiato nome in Dakar Rally?

L'origine della Dakar risale al 1977, quando Thierry Sabine si perse nel deserto libico durante il rally Abidjan-Nizza. Il francese voleva condividere la sua esperienza con il maggior numero di persone possibile, e il 26 dicembre 1978 la prima edizione della Parigi-Dakar è partira da Place du Trocadero nella capitale francese, per poi concludersi in quella senegalese.

182 concorrenti si sono presentati al via della prima edizione, che ha attraversato sei paesi, ma solamente 70 sono riusciti a raggiungere il mitico Lac Rose di Dakar. La gara poi ha avuto una notorietà crescente negli anni '80 e '90 con diversi percorsi in Africa, ma con qualche tappa anche in Spagna.

Tuttavia, le minacce terroristiche dell'inverno 2007-2008 hanno segnato la prima grande svolta per il rally, che ha lasciato il continente africano per sbarcare in Sud America, dove è stato ufficialmente rinominato Dakar Rally.

Recentemente, c'è stata una nuova reinvenzione e il rally più duro del mondo ha lasciato Cile, Argentina, Bolivia e Paraguay per fare rotta verso il Medio Oriente. Nel 2020, l'Arabia Saudita ha ospitato la prima edizione della nuova era del rally, che in futuro mira ad espandersi nei paesi confinanti.

condividi
commenti
Dakar 2022 | Strana positività al COVID per Sara Garcia
Articolo precedente

Dakar 2022 | Strana positività al COVID per Sara Garcia

Articolo successivo

Dakar 2022 | Anche Eugenio Amos deve rinunciare causa Covid

Dakar 2022 | Anche Eugenio Amos deve rinunciare causa Covid
Carica i commenti