Dakar | Toyota sceglie Al-Attiyah, De Villiers e Lategan per vincere

Toyota Gazoo Racing South Africa ha svelato i tre equipaggi con cui cercherà di imporsi ancora alla Dakar. Al-Attiyah punta di diamante, poi ecco il ritorno di De Villiers. Lategan la mina vagante.

Toyota Hilux T1+
Toyota Hilux T1+
1/10

Foto di: Toyota

Toyota Hilux T1+
Toyota Hilux T1+
2/10

Foto di: Toyota

Toyota Hilux T1+
Toyota Hilux T1+
3/10

Foto di: Toyota

Toyota Hilux T1+
Toyota Hilux T1+
4/10
Nasser Al Attiyah, Toyota Gazoo Racing
Nasser Al Attiyah, Toyota Gazoo Racing
5/10

Foto di: Toyota

Mathieu Baumel, Toyota Gazoo Racing
Mathieu Baumel, Toyota Gazoo Racing
6/10

Foto di: Toyota

Giniel de Villiers, Toyota Gazoo Racing
Giniel de Villiers, Toyota Gazoo Racing
7/10

Foto di: Toyota

Dennis Murphy, Toyota Gazoo Racing
Dennis Murphy, Toyota Gazoo Racing
8/10

Foto di: Toyota

Henk Lategann, Toyota Gazoo Racing
Henk Lategann, Toyota Gazoo Racing
9/10

Foto di: Toyota

Brett Cummings, Toyota Gazoo Racing
Brett Cummings, Toyota Gazoo Racing
10/10

Foto di: Toyota

Toyota Gazoo Racing è pronta per la Dakar 2023. Questa mattina il team ufficiale della Casa giapponese ha svelato la propria line up piloti per dare l'assalto al rally raid più celebre al mondo che scatterà il 31 dicembre in Medio Oriente.

Sarà un attacco a tre punte, ancora una volta. Toyota non poteva certo presentarsi al via della Dakar 2023 senza il campione in carica uscente: Nasser Al-Attiyah. Il qatariota, assieme al suo copilota Mathieu Baumel, saranno tra i grandi favoriti per vincere ancora l'evento al volante della GR DKR Hilux T1+. L'equipaggio campione in carica correrà con il numero 200 sulle fiancate.

"Vincere il titolo W2RC 2022 era il mio primo obiettivo e sono orgoglioso di dire che l'abbiamo raggiunto. Inoltre, la vettura è migliorata costantemente nel corso dell'anno e, con un test finale in Namibia, sono sicuro che abbiamo messo a punto la migliore versione possibile del GR DKR Hilux T1+. Ora non resta che andare a correre in Arabia Saudita", ha dichiarato Al-Attiyah.

Quest'anno, poi, la Dakar vedrà tornare a correre Giniel De Villiers e Dennis Murphy (numero 205 sulle fiancate). L'equipaggio sudafricano era stato costretto ad alzare bandiera bianca lo scorso anno per il COVID contratto da De Villiers proprio poco prima del via della Dakar 2022. Quest'anno, invece, sarà regolarmente al suo posto e pronto per aiutare Al-Attiyah qualora ve ne fosse bisogno.

"Quest'anno ha offerto sfide difficili, soprattutto in termini di SARRC. Detto questo, siamo riusciti a vincere il titolo 2022 e quindi siamo cresciuti notevolmente come squadra", ha dichiarato De Villiers. "Anche la macchina è stata all'altezza della nostra crescita personale e siamo entusiasti di tornare al Rally Dakar a gennaio. La vittoria del titolo SARRC ha confermato la nostra convinzione di essere in lizza per la vittoria assoluta a gennaio, e non vediamo l'ora che la gara abbia inizio".

Sulla terza Hilux è stato confermato Henk Lategan assieme a Brett Cummings (riconoscibili dal numero di gara 217). Il talento della Toyota avrà l'opportunità di continuare nella sua curva di apprendimento ed essere la mina vagante della Dakar 2023. Nelle ultime 2 edizioni Lategan ha già fatto vedere di poter puntare alle vittorie di tappa, ma la sua crescità sarà incentrata sul lungo periodo, ovvero diventare sempre più efficace nel corso delle due settimane di gara che comporranno l'edizione del rally raid che scaterà a fine 2022.

"La Dakar 2022 ha offerto una curva di apprendimento ripida, e sono soddisfatto della nostra esperienza all'inizio di quest'anno. Ora è giunto il momento di affrontare nuovamente la sfida, ma quest'anno siamo molto più esperti e il GR DKR Hilux T1+ è migliore che mai. Andiamo in Arabia Saudita!".

Dakar 2023: una GR DKR Hilux T1+ ulteriormente migliorata

 

Per la stagione 2023, la FIA ha perfezionato i criteri volti a bilanciare le prestazioni tra i veicoli della Classe T1+ e le loro controparti della Classe T1U (ultimate). L'obiettivo principale delle regole aggiornate è quello di avvicinare ulteriormente le prestazioni tra le classi, rendendo la competizione ancora più dura.

Ad esempio, sia le vetture di Classe T1+ che quelle di Classe T1U hanno subito una riduzione della potenza di picco di 30 kW. Le curve di potenza sono state regolate in modo da rendere proporzionale il cambiamento e la compensazione dell'altitudine per le vetture T1+ con motore turbo è stata eliminata.

Per l'edizione 2023 della Dakar, Toyota ha aggiornato ulteriormente la sua Hilux in modo da renderla non solo più prestazionale, ma anche più affidabile, considerando la natura del rally raid non solo più celebre, ma anche più duro al mondo.

Sono stati apportati miglioramenti ai differenziali, alle sospensioni e ai quadrilateri. Questi sono stati rinforzati. Novità importanti anche per quanto riguarda la trasmissione e il metodo di cambiata.

Non potevano mancare aggiornamenti del software, messo a punto per accettare i carburanti da competizione introdotti per garantire la conformità della vettura ai requisiti di Balance of Performance stabiliti dalla FIA.

Alain Dujardyn, team principal di Toyota Gazoo Racing W2RC, ha dichiarato: "Quest'anno è stato fantastico per noi. Abbiamo iniziato vincendo la Dakar 2022, prima di aggiungere il titolo inaugurale del W2RC alla nostra lista di successi. Giniel ha vinto anche il SARRC quest'anno, e vorrei ringraziare tutti e tre i nostri equipaggi per i loro rispettivi risultati sia nel W2RC che nel SARRC. Hanno costantemente spinto i limiti per migliorare, e la mente tecnica di Glyn Hall ha lavorato instancabilmente per migliorare continuamente la nostra auto da corsa, rendendola sempre migliore in vista della Dakar 2023".

Glyn Hall, team principal e direttore tecnico di Toyota Gazoo Racing Dakar e SARRC, ha aggiunto: "La Dakar 2023 è dietro l'angolo e siamo entusiasti di affrontare la gara automobilistica più dura del mondo con un team di tre auto a gennaio. Abbiamo lavorato duramente per perfezionare il nostro GR DKR Hilux T1+ nel corso dell'anno e siamo fiduciosi di essere ben preparati ad affrontare i rigori della gara, così come la concorrenza".

condividi
commenti

Dakar | I dati più curiosi dell'edizione 2023

Dakar | Al-Attiyah convinto: "Alonso tornerà, è già stato veloce"