Kevin Calia se la vede brutta, ma il polmone è salvo

Kevin Calia se la vede brutta, ma il polmone è salvo

Un incidente avvenuto in un allenamento di cross gli aveva provocato un trauma interno

Una bellissima giornata soleggiata in pieno clima estivo che stava per trasformarsi in tragedia.

Come da programma il 19enne pilota imolese Kevin Calia, ormai 2 settimane orsono si recava per allenarsi presso un campo cross situato in località Liano frazione di Castel S.Pietro Terme nell'appennino bolognese a pochi chilometri da Imola. Da buon crossista sale sulla sua motocicletta e con il solito entusiasmo che caratterizza i piloti quando utilizzano un oggetto con 2 ruote si avvia per il primo giro di pista.

L' impianto di Liano è veloce tecnico caratterizzato da numerosi salti, doppi, panettoni in salita discesa in contropendenza. Insomma un impianto di un certo livello. Ad un certo punto in cima ad un delle salite più ripide il salto. Vuoi per la mancanza di grip quando il terreno è molto secco, vuoi per una leggera inclinazione della motocicletta nella rampa di salita o per una nuova variazione di inclinazione della rampa negli ultimi centimetri prima dello stacco. Sta di fatto che Kevin perde il controllo della motocicletta in volo e sbatte violentemente a terra colpito a prima vista di rimbalzo dalla stessa moto.

Trasportato con urgenza al pronto soccorso di Imola non si riscontrano fratture ma solo contusioni, merito dell' incredibile forma fisica e muscolatura di cui dispone. Tutti increduli, persino i medici visto il "volo" e le abrasioni sotto le protezioni. Kevin ed i ragazzi del suo entourage "archiviano" il caso solo come un brutto spavento con l' appunto di fare una visita di controllo nei giorni seguenti.

Poi il dramma. Kevin si sveglia nella notte non respira correttamente e va in affanno per alcuni passi, pochi attimi dopo si scatena una tosse insistente ed inizia ad emettere sangue dalla bocca. Di corsa allertato il pronto intervento e viene in aiuto anche il Dottor Claudio Costa la cui esperienza e diagnosi indirizza rapidamente i medici del pronto intervento sul trauma interno al polmone destro già in stato infettivo avanzato.

Kevin viene ricoverato d' urgenza, immediatamante è bloccato a letto, vengono intubate le vie respiratorie visto il grave deficit di saturazione e somministrati potenti antibiotici per via venosa allo scopo di salvare il polmone interessato.

Dopo alcuni giorni di intensi trattamenti Kevin viene dimesso, ma è a riposo forzato e deve presentarsi constantemente a "rapporto dai medici", ha la sua cura da fare e non deve muoversi se non per andare in bagno.

Ed infine la svolta. Alla fine della scorsa settimana la visita "pneumologica" che decreta il ritorno dei valori di saturazione del sangue (senza la somministrazione dell' ossigeno) poco al di sotto della soglia di normalità. Ne consegue la consapevolezza di vedere la fine del tunnel nei 15 giorni di riposo assoluto ed un graduale ritorno alla precedente condizione fisica, riprendendo gli allenamenti con la dovuta cautela nei 15 giorni successivi.

Kevin Calia: "L' avrò fatto mille volte quel salto e non stavo nemmeno tirando, era il primo giro... Si vede che doveva andare così... Sono cose che succedono, di solito quando spingi forte sai che può succedere sei preparato... Ma sinceramente questa volta non me lo aspettavo proprio. Un grandissimo ringraziamento ai soccorritori, ai medici del pronto soccorso ed al Dottor Costa con tutto il suo gruppo di lavoro, che mi hanno salvato non solo la carriera".

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati CIV Superbike
Piloti Kevin Calia
Articolo di tipo Ultime notizie