Tom Sykes, terzo e deluso: “Gara difficile, non avevo velocità”

condividi
commenti
Tom Sykes, terzo e deluso: “Gara difficile, non avevo velocità”
13 mag 2018, 19:29

Terzo in Gara 2, il pilota Kawasaki è stato eclissato dal brillante compagno di squadra. Sykes però porta a casa due podi in due gare e, nonostante l’amaro in bocca per la mancata vittoria, sa che manca poco per essere davanti.

Podio: il vincitore della gara Jonathan Rea, Kawasaki Racing, il terzo classificato Tom Sykes, Kawasaki Racing
Tom Sykes, Kawasaki Racing
Tom Sykes, Kawasaki Racing
Tom Sykes, Kawasaki Racing
Tom Sykes, Kawasaki Racing
Tom Sykes, Kawasaki Racing
Podio: il vincitore della gara Jonathan Rea, Kawasaki Racing, il secondo classificato Chaz Davies, Aruba.it Racing-Ducati SBK Team, il terzo classificato Tom Sykes, Kawasaki Racing
Tom Sykes, Kawasaki Racing

È stato un weekend di grande festa in casa Kawasaki, con Jonathan Rea autore di una splendida doppietta ad Imola. Il campione in carica ha anche eguagliato il record di vittorie di Carl Fogarty ed il team si dirige verso Donington con il morale alto, forte anche del risultato dell’altro pilota, Tom Sykes. Il britannico è stato autore di due podi in Italia, un secondo posto in Gara 1 ed un terzo in Gara 2.

Forse meno soddisfacente è il risultato della seconda manche, con un podio arrivato anche grazie alla caduta di Michael van der Mark e Marco Melandri che hanno spianato la strada a Sykes. L’ex campione del mondo è stato anche protagonista di un bel duello con Xavi Forés, conquistando così il terzo gradino del podio in una gara che però ha visto emergere il suo compagno di squadra.

Il morale di Sykes non è altissimo e ammette che la gara non è andata proprio come voleva: “È un peccato, abbiamo avuto difficoltà con l’anteriore ed era difficile da gestire. Non avevo velocità, avevo il ritmo, ma ero lento. Abbiamo comunque fatto il meglio, ho spinto al massimo”. Non proprio soddisfatto dunque l’inglese, che cerca di capire quale possa essere stato il problema che gli ha impedito di andare come voleva: “Dovremo vedere e provare a capire perché non sono riuscito ad andare forte”.

Ovviamente non può ritenersi soddisfatto, ma è consapevole delle potenzialità della sua Kawasaki, che resta attualmente la miglior moto. Lo stesso Sykes ammette che, pur avendo avuto dei problemi, è riuscito ad ottenere un risultato più che buono: “In generale mi sento deluso, ma la terza posizione è buona e dobbiamo esserne contenti. Se in una giornata negativa riusciamo ad essere terzi, dobbiamo essere felici. Siamo comunque molto vicini, dobbiamo trovare un po’ più di bilanciamento e potremo essere più forti”.

Il podio è arrivato anche a seguito dell’incidente che ha coinvolto van der Mark e Melandri, quest’ultimo colpito dall’olandese della Yamaha mentre tentava il sorpasso. Sykes commenta: “Stavo cercando di rimontare, poi van der Mark ha commesso un errore e ha coinvolto Melandri. Sono andati giù e da lì le cose per me sono state più facili da gestire. Van der Mark era troppo vicino a Marco e si sono toccati, è stata solo sfortuna, ma fortunatamente stanno bene”.

Prossima tappa, Donington, round di casa dove sicuramente Sykes vorrà riscattarsi dopo un weekend agrodolce ad Imola: “A Donington non avrò nulla da dimostrare, voglio solo vincere le gare. Sono sicuro che riusciremo a trovare qualcosa presto per poter essere competitivi e lottare per la vittoria”. 

Articolo successivo
Jonathan Rea, doppietta e record: “La mia miglior gara della stagione”

Articolo precedente

Jonathan Rea, doppietta e record: “La mia miglior gara della stagione”

Articolo successivo

Althea, Baz: "A Imola ci mancava grip e la moto tendeva a impennare"

Althea, Baz: "A Imola ci mancava grip e la moto tendeva a impennare"
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie WSBK
Evento Imola
Location Imola
Sii il primo a ricevere le
ultime notizie