Stoner raggiunge Duke, Surtees e Roberts a 22 vittorie

Stoner raggiunge Duke, Surtees e Roberts a 22 vittorie

"Non avrei mai immaginato che avrei raggiunto questo livello" ha commentato

Oggi in Giappone Casey Stoner ha festeggiato la seconda vittoria consecutiva con una prestazione straordinaria, dominando la gara dall’inizio alla fine. Il pilota australiano ha così eguagliato il record di vittorie, 22, di Geoff Duke, John Surtees e Kenny Roberts Sr. raggiungendoli in ottava posizione nella classifica dei piloti più vittoriosi di tutti i tempi in classe regina . Un fine settimana difficile per Nicky Hayden, invece, si è concluso con una gara sfortunata che lo ha visto andare “lungo” e uscire di pista al secondo giro. Nonostante sia dovuto rientrare in ultima posizione, il pilota americano ha girato su un passo molto buono recuperando fino al dodicesimo posto. Casey Stoner:Questa vittoria è una soddisfazione incredibile. Non avrei mai immaginato, quando ho iniziato la mia prima stagione a 16 anni, che avrei raggiunto questo livello: tutto ciò che posso dire è che è un onore, adesso, trovarmi accanto a simili campioni (Stoner ha eguagliato il record di vittorie, 22, in classe regina di Duke, Surtees e Roberts Sr NDR). Tutte le mie vittorie in MotoGP sono arrivate con la Ducati ed è stato possibile grazie al loro fantastico supporto, duro lavoro e fiducia in me. Ancora una volta abbiamo messo il massimo impegno durante tutto il week-end, per trovare stabilità in staccata e migliorare in accelerazione, davvero una grande sfida per noi. Stamattina nel warm-up abbiamo provato delle piccole modifiche che non andavano, così abbiamo deciso di prendere qualche rischio per la gara e ha funzionato. Dopo essere partito bene ho capito di avere la possibilità di vincere, ma non senza combattere perché Andrea (Dovizioso) ha guidato alla grande, tenendomi sotto pressione fino all'ultimo giro. E' una vittoria molto importante per me, soprattutto perché è la mia prima su questo circuito”. Nicky Hayden:Non è stato il nostro miglior fine settimana di prove così prima della gara abbiamo fatto ulteriori modifiche, più di quante ne facciamo normalmente. Dopo la partenza mi sono sentito subito a mio agio e forse mi sono eccitato un po' troppo: ho fatto un errore alla quinta curva del secondo giro, arrivando troppo veloce, e ho fatto un “dritto”. Spies è andato fuori davanti a me e io l'ho seguito nella sabbia. Ci siamo toccati nel rientrare in pista e c'era un cordolo da evitare che mi ha fatto perdere un sacco di tempo. Una volta ritrovato il mio ritmo ho passato alcuni piloti ma per ogni sorpasso ci mettevo più di quanto volessi perché non avevo molta fiducia in staccata. Magari con un paio di giri in più ce l'avrei fatta ad arrivare nono ma evidentemente oggi non era giornata. Devo scusarmi con tutto il team per la caduta di venerdì che ci ha fatto perdere terreno e, anche se abbiamo lavorato duramente tutto il fine settimana, non abbiamo più trovato la trazione che mi serviva per essere competitivo. Fortunatamente non dobbiamo aspettare troppo per lasciarci questo risultato alle spalle, in Malesia”.

Diventa parte di qualcosa di grande

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati MotoGP
Piloti Nicky Hayden , Casey Stoner
Articolo di tipo Ultime notizie