Hayden: "Forse siamo più lontani che a fine 2012"

Il ducatista però non perde la testa perchè sapeva che a Sepang non ci sarebbero state grosse novità

Hayden:
I primi due giorni dei test collettivi di Sepang devono aver avuto l'effetto di una doccia fredda per gli uomini della Ducati. Anche se al Wrooom la truppa di Borgo Panigale aveva detto di non avere grandi aspettative per la tre giorni malese, visto che non ci sarebbero state novità sostanziali da provare sulla Desmosedici, i due secondi di distacco di ieri, calati ad uno e mezzo oggi, devono essere stati una bella batosta. Sensazione confermata dalle parole pronunciate da Nicky Hayden in un'intervista concessa a MotoGp.com: "Ieri eravamo a due secondi, oggi ad un secondo e mezzo. Sarebbe grandioso se riuscissimo a recuperare un altro mezzo secondo anche domani, ma non credo che sarà così facile. E' un po' frustrante essere ancora così lontani, forse più lontani di dove abbiamo finito l'anno scorso. E' davvero dura per me e per i ragazzi". Secondo il pilota americano, il miglioramento delle condizioni della pista avrebbe infatti svolto un ruolo fondamentale nell'abbassamento dei tempi di oggi: "Non abbiamo fatto dei grossi cambiamenti alla moto. Semplicemente la pista oggi era migliore e questo ci ha aiutato: la nostra moto migliora parecchio con l'aumentare del grip della pista". Anche domani non ci sarà niente di rivoluzionario da provare, solo qualche affinamento sul materiale usato anche nei primi due giorni: "Per domani abbiamo una paio di idee che ci dovrebbero aiutare a migliorare. Possiamo fare delle modifiche a livello di elettronica e di regolazioni delle geometrie. Non c'è niente di importante da provare, dobbiamo solo provare a fare meglio con quello che abbiamo a disposizione".

Diventa parte di qualcosa di grande

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati MotoGP
Piloti Nicky Hayden
Articolo di tipo Ultime notizie