Lorenzo: "Rischiare oggi non era intelligente"

A Laguna Seca il pilota della Yamaha ha fatto il ragioniere, pensando soprattuto al campionato

Lorenzo:
Battere il Casey Stoner di oggi a Laguna Seca era quasi impossibile. Questo quasi rimane per Jorge Lorenzo, che di fronte al grande stato di forma dell'avversario però ha spiegato di aver preferito non correre rischi e badare a portare a casa punti importanti in ottica campionato. Anche perchè la scelta di gomme differenti ha premiato il rivale della Honda. "Io sono contento della moto di cui dispongo quest'anno perchè almeno mi permette di lottare con le Honda ad armi pari e sono motivatissimo. Oggi ci ho provato, ho dato il massimo con la gomma dura fin dal secondo giro, però i fatti hanno ribaltato la teoria perchè la nostra gomma non è migliorata con il passare dei giri, mentre Stoner con quella più morbida è stato invincibile. Ci ho provato, ma alla fine ero troppo stanco e rischiare per vincere questa gara non sarebbe stata una cosa intelligente guardando al campionato" ha detto il pilota della Yamaha nelle interviste di rito del dopo gara. Anche perchè qualche rischio di finire ruote all'aria c'era già stato: "Ero già caduto nel warm up di questa mattina e anche in gara ho avuto un paio di avvisaglie, la più forte al "Cavatappi" quando Casey mi ha recuperato parecchi metri e anche questa situazione probabilmente ha permesso a lui di caricarsi, portandomi anche ad essere un pelino più conservativo".

Diventa parte di qualcosa di grande

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati MotoGP
Piloti Jorge Lorenzo
Articolo di tipo Ultime notizie