L'esplosione in Texas non ferma il Gp di Austin

L'esplosione in Texas non ferma il Gp di Austin

Steve Sexton rassicura tutti sul rischio della nube tossica, ma domenica ci sarà un minuto di silenzio

L'esplosione di una fabbrica di fertilizzanti avvenuta oggi a West, a circa 200 km da Austin, dove questo fine settimana si disputerà il Gp of the Americas di MotoGp, ma soprattutto il pericolo della formazione di una nube tossica, aveva fatto temere che la gara potesse saltare per questioni di sicurezza. Per questo durante la conferenza stampa di oggi è intervenuto anche Steve Sexton, presidente del Circuit of the Americas, che ha rassicurato sul regolare svolgimento del programma del Gp, spiegando anche che vista la distanza dalla cittadina a nord di Waco, dove purtroppo si teme che ci possano essere tra le 30 e le 40 vittime, è praticamente impossibile che un eventuale nube tossica possa arrivare fino all'autodromo. Sicuramente poi Sexton è parso meno preoccupato per eventuali minacce terroristiche, per le quali si era temuto in seguito all'attentato avvenuto alla Maratona di Boston. Il presidente dell'impianto texano ha infatti sottolineato che le misure di sicurezza hanno sempre avuto standard piuttosto elevati fin dall'arrivo della Formula 1 nello scorso novembre e che quindi non sarebbero stati necessari particolari rinforzi. Infine, è stato annunciato che domenica, prima della partenza della gara, sarà celebrato un minuto di silenzio per commemorare le vittime delle tragedie di Boston e di West.

Diventa parte di qualcosa di grande

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati MotoGP
Evento GP delle Americhe
Circuito Circuito delle Americhe
Articolo di tipo Ultime notizie