Marquez: "Il rientro? Ho ascoltato i medici. Si sono sbagliati!"

Il campione del mondo in carica spiega il suo punto di vista sul suo infortunio, ma ha anche parlato dell'addio di Dovizioso alla Ducati, non nascondendo la sua sorpresa.

Marquez: "Il rientro? Ho ascoltato i medici. Si sono sbagliati!"

Marc Marquez è tornato a parlare dopo la seconda operazione e a poche ore dall'annuncio della Honda arrivato ieri, con cui ha fatto sapere che la propria punta di diamante salterà altri 2 o 3 mesi di Mondiale 2020, perdendo di fatto la possibilità di lottare per il titolo iridato 2020.

Marquez ha parlato oggi ai microfoni di DAZN Spagna, raccontando l'accaduto, ossia il periodo tra la prima e la seconda operazione.

"Chiaramente dal punto di vista del morale non sono certo nel mio miglior momento. Mi piacerebbe essere in pista e quando vedo gli altri correre e fare le prove quando invece sono costretto a guardarli in televisione. Diventa strano essere in questa situazione dopo aver fatto 8 anni senza aver saltato una gara".

"Ora è il momento di aver pazienza e rispettare il corpo. Dopo la prima operazione ho seguito le raccomandazioni dei medici che mi avevano detto di poter salire in moto. Mi avevano detto che la placca non avrebbe ceduto e si sono sbagliati. Continuerò a fidarmi del dottor Mir".

"Di fatto la stagione è persa, dunque è meglio recuperare bene e fare come il corpo richiede. Sarà sincero. Se ti fai operare alla gamba e il medico ti dice che puoi camminare senza stampelle, tu cosa fai? C'era lo stesso rischio tornando a Jerez come a Brno o in Austria. Un osso impegna dalle 6 alle 8 settimane a saldarsi. E' stato un errore tornare in pista, ma dopo è più facile analizzare la situazione".

"Sono stato il primo a dare al dottor Mir, mi ha operato mille volte e una è andata male. Ho dato loro ancora una volta fiducia e seguirò le indicazioni come ho sempre fatto".

Marquez ha anche parlato della decisione di Dovizioso, che lascerà la Ducati a fine anno: "Sono rimasto sorpreso dal suo annuncio, soprattutto visto che va veloce ed è secondo nel Mondiale. Sicuramente ci mancano dei tasselli per capire, non sappiamo cosa sia successo. Rispetto la decisione di Dovi, è stato un grande rivale e spero di rivederlo in futuro. Per quanto mi riguarda, perdo un anno, ma spero ne arrivino tanti di buoni...".

condividi
commenti
MotoGP, Stiria: primo centro per Oliveira a casa della KTM
Articolo precedente

MotoGP, Stiria: primo centro per Oliveira a casa della KTM

Articolo successivo

Paura Vinales: cosa sarebbe successo se non si fosse buttato?

Paura Vinales: cosa sarebbe successo se non si fosse buttato?
Carica i commenti