Marquez: "Ho il primo match ball in casa Honda e voglio vincere, ma Motegi è una pista Ducati..."

condividi
commenti
Marquez:
Giacomo Rauli
Di: Giacomo Rauli
16 ott 2018, 10:52

Il leader del Mondiale di MotoGP e pilota della Honda cercherà di chiudere i conti e vincere il settimo titolo iridato della sua carriera. Ma a Motegi le Ducati saranno ancora più forti del solito.

Ormai Marc Marquez è a un passo dal vincere il settimo titolo iridato della sua sfavillante carriera - il quinto in MotoGP - nel Motomondiale e avrà l'occasione di farlo davanti al pubblico di casa per la Honda, a Motegi, sede del Gran Premio del Giappone.

Il pilota spagnolo può contare su un enorme vantaggio in termini di punti nei confronti del suo diretto rivale, Andrea Dovizioso, che lo segue a 77 punti di distanza.

Marc ha ammesso che in questo fine settimana farà di tutto per cercare di vincere il titolo sul suolo giapponese, davanti al personale Honda, ma sa che sarà complicato perché Motegi è una delle piste in cui le Ducati saranno certamente più pericolose.

"Ho il primo match ball per vincere il Mondiale nella gara di casa della Honda, che per la Casa è molto importante", ha affermato alla vigilia del fine settimana nipponico Marc Marquez.

"Chiaramente proveremo a portare a casa il miglior risultato possibile davanti ai tifosi e al personale della Honda, ma Motegi è una pista stop-and-go, in cui le accelerazioni sono il fattore chiave".

"Dovremo lavorare sodo e migliorare in quelle aree se vorremo lottare con le Ducati. D'altra parte, dovremo rimanere concentrati, calmi e gestire la situazione nel migliore dei modi. La cosa importante sarà riuscire a centrare i nostri obiettivi".

Articolo successivo
Lorenzo scenderà in pista venerdì a Motegi per capire se ha recuperato dagli infortuni

Articolo precedente

Lorenzo scenderà in pista venerdì a Motegi per capire se ha recuperato dagli infortuni

Articolo successivo

Espargaro: "Adoro Motegi: contano le staccate, il punto di forza mio e dell'Aprilia"

Espargaro: "Adoro Motegi: contano le staccate, il punto di forza mio e dell'Aprilia"
Carica i commenti