Dovizioso: "Ad Aragon non favoriti, ma possiamo giocarcela"

I piloti della Ducati ambiscono a portare a casa un grande risultato al MotorLand. Dovizioso per ridurre ancora il divario che lo separa da Quartararo, mentre Petrucci per continuare la sua ascesa dopo la vittoria di Le Mans.

Dovizioso: "Ad Aragon non favoriti, ma possiamo giocarcela"

Archiviata la gara a Le Mans, per la Ducati arriva un altro fine settimana di gara molto importante per le proprie ambizioni di titolo iridato, così come quelle di Andrea Dovizioso.

La Casa italiana si troverà ad affrontare il Gran Premio di Aragon al MotorLand, una delle piste su cui le Desmosedici non hanno mai brillato in maniera convincente nel corso delle ultime stagioni.

Eppure, dopo Le Mans, Andrea Dovizioso è tornato a essere più fiducioso, ma anche più vicino al leader del Mondiale grazie a un piazzamento che è valso oro. Il forlivese crede infatti di poter fare bene anche sulla pista spagnola, sebbene questa non sia mai stata tra le sue preferite.

“Dopo la gara di Le Mans abbiamo subito voltato pagina e ora siamo già concentrati sui prossimi due gran premi che si disputeranno ad Aragón e che saranno decisivi, giunti a questo punto della stagione".

"Lo scorso anno sono riuscito a salire sul podio al MotorLand e, anche se sulla carta non siamo i favoriti su questo tracciato, sono convinto che potremo giocarcela sfruttando al massimo i punti forti della nostra Desmosedici GP. Il campionato è ancora aperto e dobbiamo continuare a lavorare gara dopo gara per cercare di centrare il nostro obiettivo”.

Leggi anche:

Chi è riuscito a rilanciarsi dopo un periodo buio è Danilo Petrucci. Il ternano ha mostrato di che pasta sia fatto a Le Mans, vincendo con autorità la gara e tornando a sorridere. Erano tanti mesi che Danilo aspettava una svolta. La vittoria di Le Mans potrebbe aver riacceso il pilota che avevamo potuto apprezzare nella prima parte del Mondiale 2019.

“La vittoria di Le Mans è sicuramente servita ad infondermi molta fiducia e arrivo al MotorLand con il morale alto. Ogni gara è una storia a sé, ma dopo aver superato un inizio di stagione così difficile ora voglio solo continuare a migliorare".

"Spero di poter proseguire con le stesse sensazioni positive avute in Francia e sono fiducioso che potremo dire la nostra anche nelle ultime cinque gare che restano. Vediamo come saranno le condizioni della pista di Aragón al nostro arrivo: dovremo essere bravi ad interpretare bene il comportamento degli pneumatici Michelin. Sarà fondamentale riuscire a partire con il piede giusto già dalle libere del venerdì”.

condividi
commenti
Taramasso: "Ad Aragon buona soluzione anche la media"
Articolo precedente

Taramasso: "Ad Aragon buona soluzione anche la media"

Articolo successivo

Honda e Repsol finalizzano il rinnovo fino al 2022

Honda e Repsol finalizzano il rinnovo fino al 2022
Carica i commenti