Chevrolet batte Ferrari alla 100 Miglia di Magione

Chevrolet batte Ferrari alla 100 Miglia di Magione

Vincono Edoardo e Filippo Liberati, mentre tra le "piccoline" si impone la Seat Leon di Bamonte

Una domenica all’insegna del sole ha visto all’Autodromo dell’Umbria l’undicesima edizione della 100 Miglia di Magione, una gara di durata riservata ad auto turismo moderne. Due gli schieramenti di partenza per la speciale corsa, che ha visto al via anche molti protagonisti del Trofeo Turismo appena concluso. Nella gara riservata la primo gruppo (auto fino 2.0 cc) la pole position è stata conquistata dalla Fiat Barchetta di Roberto Begliomini, in gara con il ternano Ernesto Galli. Al suo fianco la coppia di coniugi “da corsa” Deborah Broccolini e Luca Rossetti (su Citroen C1) ha agguantato la prima fila, mentre terza sullo schieramento di partenza è scattata la Seat Leon del solitario Bamonte. Dopo la spettacolare partenza lanciata, la gara ha offerto vari duelli, specie tra le numerose Fiat 500 in versione 5 Hundred Cup che vi hanno preso parte. Tra queste al via anche Federico Lilli, il giovane campione in carica, per la seconda volta, del Trofeo Turismo, che ha poi chiuso in ottava posizione. Dopo l’emozionante momento del cambio pilota ai box, l’equilibrio si è stabilizzato, portando alla vittoria la Seat Leon di Luigi Bamonte, prima anche nella categoria 24 H Special. Al secondo posto assoluto l’equipaggio “familiare” composto da Rossetti e Broccolini, primi in classe E1 1150, mentre Galli e Begliomini (classe Fiat Barchetta) hanno tagliato la bandiera a scacchi in terza posizione. Fra le Fiat 500 la più rapida è stata quella dei fratelli eugubini Angelo e Riccardo Rogari, che hanno preceduto Marco Corinaldesi e Fausto Amendolagine. Nella seconda gara sono entrate in scena le auto più potenti, con la Corvette GT3 di Edoardo e Filippo Liberati autrice del miglior tempo sulla griglia di partenza, seguita dalla possente Ferrari 458 Italia Challenge guidata alternativamente da Sossio Del Prete e Daniel Mancinelli. Fin dallo scattare del semaforo verde la competizione si è mostrata vivace, con la Corvette che è riuscita a mantenere la testa della corsa sulla Ferrari e la rapida scalata della Porsche 997 di Maurizio Fondi, balzata ai vertici dalla sesta posizione (poi quarta all’arrivo). Zero invece le “miglia” percorse dal pilota di casa, Michele Parretta, che ha dovuto abbandonare la Clio Rs condotta con Claudio Cenci per un problema tecnico al primo passaggio. Serrata la gara, con la Corvette sempre in testa, rincorsa dalla Ferrari. Nella seconda metà della corsa è emersa in terza posizione la Mercedes C63 Superstars di Leonardo Baccarelli e Camilo Zurcher, che ha scalzato la Porsche 997 di Gioga e Boga. Nell’affollata classe Renault Clio Walter Lilli in coppia con Caso sono risultati i più veloci, precedendo il duo formato dai fratelli Alcidi che partiva dalla dodicesima piazza (ottavi assoluti al traguardo). Alla fine è stata la Corvette a vincere, seguita dalla Ferrari e dalla Mercedes.

Diventa parte di qualcosa di grande

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati GT
Articolo di tipo Ultime notizie