Ecco perché non dovresti perdere il Gran Premio del Canada

condividi
commenti
Ecco perché non dovresti perdere il Gran Premio del Canada
07 apr 2019, 10:28

A giugno la Formula 1 attraverserà l’Oceano Atlantico fino ad arrivare a Montréal per il Gran Premio del Canada, uno degli appuntamenti più attesi del calendario. Motorsport Live ti fa scoprire perché è così popolare.

Dalla fine degli anni Settanta, il Canada rappresenta una delle tappe più amate del calendario di Formula 1, con il suo Gran Premio che ha luogo sull’Isola di Notre Dame, costruita artificialmente nell’imponente baia di San Lorenzo.

Il circuito stradale semi-permanente è stato teatro di momenti iconici durante gli anni, la sua superficie insidiosa e l’estrema vicinanza alle barriere non hanno mai lasciato margine di errore. L’ultima chicane è chiamata Muro dei Campioni a seguito di diversi impatti che hanno visto protagonisti anche i più grandi piloti, dimostrando quando la pista sia impegnativa.

Vista aerea dell'Isola di Notre Dame e iconica biosfera di Montreal

Vista aerea dell'Isola di Notre Dame e iconica biosfera di Montreal

Photo by: Shutterstock .

Grandi battaglie, giochi di scie e sorpassi indimenticabili sono immancabili al Circuit Gilles Villeneuve; nel 2007 abbiamo assistito alla prima vittoria in carriera di Lewis Hamilton (la prima di molte altre), a conclusione di una gara che ha visto Robert Kubica protagonista di un orribile incidente ad alta velocità. Ma un anno dopo, il polacco si è riscattato, salendo sul gradino più alto del podio per la prima e, fino ad ora, unica volta in carriera. Nel 2011, Jenson Button ha trionfato nella folle gara prima asciutta, poi bagnata e poi di nuovo asciutta durata quattro ore, mentre lo scorso anno Sebastian Vettel ha tagliato il traguardo davanti a tutti, concretizzando le sue ambizioni mondiali e quelle della Ferrari.

La struttura dei box del Circuit Gilles Villeneuve è stata interamente ricostruita nel 2019 dopo aver prolungato il contratto con la Formula 1. Offre spettacolari visuali del rettilineo principali e della Baia di San Lorenzo, ma non sono gli unici punti del circuito meritevoli. Le tribune disposte lungo l’esterno della Curva 1 offrono un punto di vista diverso della partenza, mentre il settore de ‘L’Epingle’ garantirà lo spettacolo, lì i migliori sorpassi della gara sono assicurati.

L'iconico Epingle, tornante di Montreal

L'iconico Epingle, tornante di Montreal

Il circuito, situato nel pittoresco Parco Jean Drapeau, è facilmente accessibile grazie all’economico e semplice sistema metropolitano di Montreal, che porta i fan direttamente nel cuore dell’evento principale della capitale del Quebe a meno di 5 dollari. Route St. Catherine apre le porte ai fan della Formula 1 durante la settimana, così come la Vecchia Montreal, ricca di ristoranti e bar, aperti fino alle prime ore dell’alba. Una volta lì, meritano un assaggio le specialità di Montreal, le Poutine, un mix di patatine, cagliata di formaggio e salsa; è ancora più delizioso di quanto sembri!

La stessa Montreal è facilmente raggiungibile grazie al Pierre Trudeau International Airport, dove operano le più grandi compagnie aeree. Un viaggio in bus a 10 dollari e qualche fermata di metro ti portano direttamente al centro della città, dove si possono trovare una miriade di appartamenti e hotel apprezzati a livello internazionale. Una volta a Montreal, è facile girare a piedi ed è imperdibile una gita a Mont Royal, la collina da cui si può ammirare la città dall’alto e offre una vista mozzafiato di tutta la zona.

Il Canada è il luogo ideale per vivere sensazioni indimenticabili, sia nel cuore di Montreal sia al Circuit Gilles Villeneuve dove assisterai ad una grande gara e avrai l’occasione di vedere da vicino le stelle della Formula 1. Non perderlo, vivilo e acquista oggi il tuo viaggio per il Gran Premio del Canada con Motorsport Live.

Articolo successivo
Historic Minardi Day: ci saranno una trentina di F1 e si potrà... camminare nella storia

Articolo precedente

Historic Minardi Day: ci saranno una trentina di F1 e si potrà... camminare nella storia

Articolo successivo

Historic Minardi Day 2019: ecco i grandi campioni del motorsport presenti a Imola

Historic Minardi Day 2019: ecco i grandi campioni del motorsport presenti a Imola
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie Speciale
Sii il primo a ricevere le
ultime notizie