La Ferrari si prepara a fare il catenaccio

La Ferrari si prepara a fare il catenaccio

Alonso spera nella pioggia per sconvolgere i ruoli che vedono la Rossa solo come terza forza

Bicchiere mezzo pieno o mezzo vuole per la Ferrari a Sepang? Fernando Alonso, autore del quinto tempo, e Felipe Massa, settimo assoluto. Probabilmente la squadra di Maranello oggi si accontenta di limitare i danni con le imprendibili Red Bull e McLaren. Entrambi i piloti hanno utilizzato quattro treni di gomme in totale: uno di dure ciascuno in Q1, uno di morbide per pilota in ognuna delle sessioni. Stefano Domenicali: “Sappiamo che, in questo momento, non siamo in grado di lottare per la pole position: due squadre sono attualmente più veloci di noi. Il nostro obiettivo, pertanto, era di essere domani in griglia immediatamente alle loro spalle e ci siamo riusciti. Certo, non possiamo essere soddisfatti di un distacco di un secondo dalla prima posizione ma in questo momento dobbiamo fare catenaccio, tanto per usare una metafora calcistica. Domani si prevedono condizioni meteorologiche perturbate, il che può contribuire a mischiare le carte. Inoltre, è una gara molto dura sia per le macchine sia per i piloti. Se faremo le cose fatte bene in ogni settore – strategia, affidabilità, lavoro di squadra e piloti – allora potremo aspirare a fare un buon risultato”. Fernando Alonso: “Non eravamo veloci in Australia e non lo siamo qui in Malesia, non abbastanza per lottare per la pole position. Per quello che abbiamo visto in queste due gare ci sono due squadre che hanno lavorato meglio di noi quest’inverno ed è chiaro che dobbiamo fare dei passi avanti per quanto riguarda la prestazione, questo non è certo un segreto: ci vuole un salto di qualità, dobbiamo essere aggressivi nello sviluppo per recuperare. Allo stesso tempo, dobbiamo rimanere calmi e concentrati e, intanto, portare a casa il massimo dei punti, sfruttando tutte le opportunità che si dovessero presentare. Il campionato è molto lungo e l’anno scorso abbiamo visto come la situazione possa cambiare repentinamente, da una gara all’altra. Pertanto, questo quinto posto lo giudico positivamente, anche perché domani potrebbero accadere tante cose, soprattutto se dovesse piovere. Nella serata e stamattina dopo FP3 abbiamo migliorato l’assetto della vettura e mi sono trovato più a mio agio rispetto a ieri. Partirò dal lato pulito della pista, il che non è mai uno svantaggio. Difficile fare pronostici per la gara: ieri abbiamo visto un degrado degli pneumatici molto elevato, quindi ci possiamo aspettare tre o quattro soste. A Melbourne la domenica avevamo un passo vicino alla McLaren e in grado di lottare con Webber ma lì in qualifica la McLaren era più vicina in qualifica di quanto non lo sia stata qui.” Felipe Massa: “Non è stata certo una qualifica facile, soprattutto guardando ai tempi che sono stati capaci di fare i primi quattro. Noi abbiamo lottato con gli altri ma è chiaro che, rispetto ai migliori, domani dovremo correre in difesa. Dal punto di vista della strategia sull’asciutto ci possiamo aspettare tre o quattro soste. Poi, se dovesse davvero piovere, allora tutto può succedere e noi dovremo essere pronti a tutto. Oggi la miglior posizione possibile era la quinta: non sono riuscito ad ottenerla, anche perché non ho fatto un giro perfetto, ma almeno partirò dal lato pulito della pista. Sappiamo che ci manca carico aerodinamico: ci stiamo lavorando ma soltanto quando avremo fatto dei progressi potremo batterci per le prime posizioni”.

Diventa parte di qualcosa di grande

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Piloti Fernando Alonso , Felipe Massa
Articolo di tipo Ultime notizie