Formula 1
19 set
-
22 set
Evento concluso
26 set
-
29 set
Evento concluso
10 ott
-
13 ott
Evento concluso
24 ott
-
27 ott
Evento concluso
01 nov
-
03 nov
Evento concluso
14 nov
-
17 nov
FP1 in
20 Ore
:
18 Minuti
:
44 Secondi

La F.1 si avvicina all'introduzione delle telecamere a 360 gradi

condividi
commenti
La F.1 si avvicina all'introduzione delle telecamere a 360 gradi
Di:
Tradotto da: Matteo Nugnes
18 set 2017, 11:03

La Formula 1 ha fatto un passo avanti dal punto di vista tecnologico, avvicinandosi ad introdurre le telecamere a 360 gradi, dopo che i primi test effettuati a Singapore lo scorso weekend hanno avuto successo.

Il partner tecnologico Tata ha provato due telecamere a 360 gradi a Marina Bay, con lo scopo di capire se potesse avere un senso utilizzarle regolarmente per realizzare immagini televisive.

Una delle nuove telecamere è stata posizionata nel paddock, mentre un'altra è stata posta accanto al famoso ponte di Anderson.

La Tata ha voluto sperimentare le telecamere e controllare le sue capacità di trasferimento dei dati, perché il "live feed" delle immagini a 360 gradi si è rivelato problematico per il ritardo provocato dall'elaborazione delle immagini.

Quel ritardo, che può arrivare fino a 30 secondi, è causato dal fatto che i filmati a 360 gradi richiedono un quantità di dati cinque volte superiore rispetto a quelli di una telecamera ad alta definizione.

Lavorando con i titolari dei diritti commerciali della Formula 1, la Tata spero che presto questa tecnologia possa essere utilizzata in pitlane e a bordo pista, prima di essere montata sulle monoposto.

John Morrison, chief technical officer della Formula 1, ha detto: "Abbiamo fatto questo test per fare in modo che i tifosi possano vedere Lewis o Sebastian entrare nel box, afferrare il tablet e osservare tutto quello che succede intorno, ma non 30 secondi dopo che ha schiacciato il pulsante".

La Tata ha utilizzato spesso il GP di Singapore per sperimentare nuove tecnologie. Per esempio lo scorso anno con il debutto delle telecamere UltraHD.

Articolo successivo
Hamilton: "Pensavo all'incidente di Senna a Monaco per non sbagliare"

Articolo precedente

Hamilton: "Pensavo all'incidente di Senna a Monaco per non sbagliare"

Articolo successivo

Honda: "Il metodo di lavoro McLaren rende difficile far cambiamenti"

Honda: "Il metodo di lavoro McLaren rende difficile far cambiamenti"
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie Formula 1
Autore Jonathan Noble