Schumacher migliora. Scaricate le immagini del volo!

Schumacher migliora. Scaricate le immagini del volo!

Corinna intanto invita supporter e giornalisti a lasciare l'ospedale per far lavorare i medici in pace

Quali sono le reali condizioni di Michael Schumacher? Ieri sera la Bild online lo aveva dichiarato fuori dal pericolo di vita, ma i tedeschi devono aver precorso i tempi: il sette volte campione del mondo è ancora tenuto in coma farmacologico, ma nei volti dei medici che monitorano la situazione non ci sono più gli sguardi cupi dei giorni scorsi e anche nella famiglia comincia ad aleggiare la speranza. MICHEAL REAGISCE ALLE TERAPIE Si può dire, dunque, che Michael ha superato la fase più critica della sua degenza nel reparto rianimazione dell’Ospedale Universitario di Grenoble, ma la prognosi resta ancora riservata. A cosa è dovuto l’ottimismo delle ultime ore? Al fatto che Schumi sta reagendo positivamente alla terapia che è stata cambiata venerdì, quando i sanitari transalpini avevano constatato un repentino peggioramento che per alcuni drammatici momenti aveva fatto presagire addirittura al peggio. TAC POSITIVA, MA RESTA IN PROGNOSI RISERVATA L’ultima TAC, per fortuna, ha dato indicazioni positive che evidenzia una graduale, seppur lento della situazione cerebrale, per cui è sensato credere che sia iniziata una lenta ripresa. Allo stato attuale non è possibile definire dei tempi di recupero, ma l’orientamento è positivo. L’APPELLO DI CORINNA Corinna Schumacher nel frattempo ha rotto il silenzio chiedendo ai giornalisti e ai supporter di Michael di lasciare l’ospedale per consentire ai medici di lavorare con la necessaria calma e senza la pressione mediatica, chiedendo che anche la famiglia possa essere lasciata in pace. CI SONO LE IMMAGINI DELL’INCIDENTE! La notizia del giorno è che gli inquirenti sono riusciti a estrarre le immagini della GoPro che Michael aveva montata sul casco e la procura di Albertville, quindi, è in grado di ricostruire con precisione la dinamica dell’incidente sulle nevi di Meribel. Domani ne sapremo di più visto che il procuratore Patrick Quincy terrà una conferenza stampa sul caso. MANCANZA DI SEGNALAZIONI Secondo Edward Bougins, l’avvocato del foro di Grenoble che è specializzato nel risarcimento di danni alle persone, i responsabili degli impianti di Meribel sarebbero stati negligenti perché non c’erano degli adeguati segnali sulla pista per avvisare il pericolo delle rocce affioranti. Bougins sostiene che la legge francese già norma gli obblighi di una stazione sciistica nei confronti dei clienti e ha fatto riferimento all'articolo 1147 del codice civile, senza dimenticare lo standard AFNOR NF S 52-102 del luglio 2001 che disciplina "Sci Alpino, marcatura, segnaletica, informazione". RESPONSABILITA’ DI MERIBEL? La normativa prevede che, in caso di fuori pista, ci siano dei segnali che avvertano del pericolo con bande colorate, paletti o reti che al momento del drammatico volo di Michael non c’erano sul luogo dell’incidente. L’avvocato, quindi, non esclude che ci sia una responsabilità diretta dei gestori degli impianti di Meribel.

Diventa parte di qualcosa di grande

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Piloti Michael Schumacher
Articolo di tipo Ultime notizie