Imola sogna una gara di F1 a porte chiuse

Uberto Selvatico Estense ha dichiarato che il circuito di Imola è disposto ad ospitare una gara di Formula 1 a porte chiuse, qualora le condizioni in Italia dovessero migliorare nei prossimi mesi.

Imola sogna una gara di F1 a porte chiuse

Dopo che il GP di Cina è stato rinviato a febbraio, il circuito si è rivolto al presidente dell'Automobile Club d'Italia, Angelo Sticchi Damiani, per sostituirlo.

L'offerta è diventata però vana dopo che l'Italia si è trasformata in un focolaio del COVID-19, e il Paese è andato in isolamento.

Tuttavia, con l'organizzazione della F1 che ora cerca date per le gare senza spettatori, Selvatico Estense dice che sarebbe disposto ad offrire Imola gratuitamente più avanti nell'anno, se le regole del governo lo consentiranno.

Un evento a porte chiuse sarebbe molto più facile da organizzare di una aperta pubblico, eliminati i problemi legati al pagamento della tassa d'ingresso e della vendita dei biglietti, oltre a quello dei lavori richiesti per migliorare le tribune (quello del complesso box però rimane).

"Questa situazione è un'opportunità per noi per candidarci ad un gran premio in questa stagione" ha detto Selvatico Estense a Motorsport.com. "Hanno bisogno di fare gare per mantenere il contratto con la FIA e avere un campionato mondiale, quindi perché non pensare ad Imola?".

"Ovviamente dipende anche dalle regole del governo, se ci permetteranno o meno di organizzare una gara del genere".

Leggi anche:

"Naturalmente offriremo la pista gratuitamente, e poi parleremo dei costi da parte nostra, se possibile. Possiamo chiedere aiuto alla regione. Non siamo nella condizione di poter pagare la quota di un promotore".

"È molto più facile senza spettatori, non dobbiamo occuparci delle tribune, non dobbiamo occuparci di cose come le hospitality per i vip e così via. Sicuramente sarà più economico di un'organizzazione completa. In Italia stanno già pensando di gestire le partite di calcio a porte chiuse".

Selvatico Estense non ha ancora parlato con l'organizzazione della F1, dato che il protocollo è di passare attraverso l'ACI.

Per quanto riguarda le date, è aperto a qualsiasi opzione, ma suggerisce che ad Imola si potrebbe correre "back to back" con il GP d'Italia a Monza, che è ancora in programma il 6 settembre.

Il GP di Belgio infatti ha attualmente lo slot del 30 agosto, ma gli eventi di massa sono stati banditi nel Paese fino all'1 settembre.

"Forse potrebbe essere più facile organizzare un 'back to back' con Monza, per risparmiare denaro e per far risparmiare tempo alle squadre".

Una data successiva potrebbe funzionare anche dal punto di vista meteorologico, inoltre potrebbe essere utile se la F1 avesse difficoltà ad assicurarsi le gare fuori dall'Europa previste a partire da metà settembre.

"L'anno scorso abbiamo avuto bel tempo anche in ottobre e anche nella prima metà di novembre, quindi non abbiamo paura del tempo".

"Credo che la gente vorrebbe tornare a Imola. Per noi è un sogno, ma stiamo ancora sognando!".

condividi
commenti
Weber: "Schumacher ha fallito alla Mercedes"
Articolo precedente

Weber: "Schumacher ha fallito alla Mercedes"

Articolo successivo

La vita prima della Formula 1: Romain Grosjean

La vita prima della Formula 1: Romain Grosjean
Carica i commenti