Tronchetti: "Utili i controlli sull'uso delle gomme"

Il presidente Pirelli, soddisfatto delle garanzie ricevute dalla FIA, vede un cambiamento dei valori in campo

Tronchetti:
Marco Tronchetti Provera non ha voluto mancare al Salone di Ginevra: ieri ha fatto un giro degli stand insieme all’amico Massimo Moratti per scoprire cosa il mercato dell’auto sta proponendo. E mentre stava apprezzando le diverse novità, abbiamo incontrato il presidente e amministratore delegato della Pirelli, che è stato molto cortese a concederci un paio di battute sul mondiale di Formula 1 che la prossima settimana debutterà in Australia. Dopo un anno di dure polemiche sulle gomme, la Pirelli ha deciso di rinnovare un accordo triennale con la F.1 per la fornitura degli pneumatici. Ci troviamo di fronte la categoria regina dell’automobilismo che è profondamente cambiata… “Abbiamo ottenuto, in accordo con la Fia, delle maggiori garanzie di controllo sull’uso degli pneumatici nei Gp: evidentemente questo è un requisito fondamentale per la sicurezza che ci permetterà delle messe molto più sofisticate”. Con la rivoluzione delle regole e con l’adozione delle power – unit le gomme non saranno più un tema di discussione: rischiate di tornare ad essere solo dei fornitori esclusivi del Circus dopo che siete stati fra i protagonisti dello spettacolo… ”Il nostro contributo alla Formula 1 continuerà a essere quello dello sviluppo delle tecnologie e delle performance unite alla sicurezza. E devo dire che i test che si sono svolti in Bahrein sono andati molto bene, per cui siamo soddisfatti di come stanno andando le cose”. Ci troviamo un scenario della F.1 completamente rivoluzionato rispetto allo scorso anno: sono molti gli osservatori che temono un calo di attenzione per l’eccessiva complessità delle monoposto e delle regole. Non teme per lo spettacolo? “Hanno cambiato i motori, questa è una Formula 1 diversa da quella a cui siamo sempre stati abituati. E credo che possa essere spettacolare anche quanto è scaturito dalle nuove regole. Per parte nostra abbia dato la disponibilità a fornire un treno di gomme in più nella Q3 della qualifica, per cui abbiamo introdotto una variante che può contribuire allo spettacolo, facendo girare di più le monoposto nella fase decisiva della sessione cronometrata. Mi auguro, quindi, che sia un anno emozionante. E mi sembra che i valori in campo siano già un po’ cambiati per cui aspettiamoci che ci potranno essere delle sorprese…”.
Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Articolo di tipo Ultime notizie