Formula 1
12 mar
-
15 mar
Prossimo evento tra
54 giorni
G
GP del Bahrain
19 mar
-
22 mar
Prossimo evento tra
61 giorni
02 apr
-
05 apr
Prossimo evento tra
75 giorni
G
GP della Cina
16 apr
-
19 apr
Prossimo evento tra
89 giorni
30 apr
-
03 mag
Prossimo evento tra
103 giorni
07 mag
-
10 mag
Prossimo evento tra
110 giorni
21 mag
-
24 mag
Prossimo evento tra
124 giorni
G
GP d'Azerbaijan
04 giu
-
07 giu
Prossimo evento tra
138 giorni
G
GP del Canada
11 giu
-
14 giu
Prossimo evento tra
145 giorni
G
GP di Francia
25 giu
-
28 giu
Prossimo evento tra
159 giorni
02 lug
-
05 lug
Prossimo evento tra
166 giorni
G
GP di Gran Bretagna
16 lug
-
19 lug
Prossimo evento tra
180 giorni
G
GP d'Ungheria
30 lug
-
02 ago
Prossimo evento tra
194 giorni
G
GP del Belgio
27 ago
-
30 ago
Prossimo evento tra
222 giorni
03 set
-
06 set
Prossimo evento tra
229 giorni
G
GP di Singapore
17 set
-
20 set
Prossimo evento tra
243 giorni
24 set
-
27 set
Prossimo evento tra
250 giorni
G
GP del Giappone
08 ott
-
11 ott
Prossimo evento tra
264 giorni
G
GP degli Stati Uniti
22 ott
-
25 ott
Prossimo evento tra
278 giorni
G
GP del Messico
29 ott
-
01 nov
Prossimo evento tra
285 giorni
G
GP del Brasile
12 nov
-
15 nov
Prossimo evento tra
299 giorni
G
GP da Abu Dhabi
26 nov
-
29 nov
Prossimo evento tra
313 giorni

F1 Silverstone: Bottas alla decima pole, Leclerc è terzo

condividi
commenti
F1 Silverstone: Bottas alla decima pole, Leclerc è terzo
Di:
13 lug 2019, 14:29

Il finlandese sigla il nuovo record della pista nelle qualifiche del GP di Gran Bretagna. La Mercedes occupa la prima fila con Hamilton a 6 millesimi, mentre la Ferrari piazza Leclerc terzo a 79 millesimi con Verstappen quarto. Delude Vettel che è solo sesto.

Valtteri Bottas ha ammutolito i 100 mila spettatori di Silverstone perché il finlandese ha strappato la pole del GP di Gran Bretagna a Lewis Hamilton di 6 millesimi di secondo, un distacco che si misura solo con gli strumenti ma che non si può vedere! Il finlandese sigla la decima partenza al palo della carriera che è la quarta della stagione dopo la Spagna. Valtteri ha dato un colpo di reni sul leader del mondiale nel primo run della Q3, quando la Mercedes, che ha collezionato un'altra prima fila, ha usato la mappatura per il giro secco pareggiando (se non superando) la potenza della power unit Ferrari. 

Leggi anche:

Lewis Hamilton ha abbozzato sulla superiorità di Bottas: l'inglese non ha messo insieme un giro pulito senza sbavature e questa volta non è riuscito a fare la differenza, anche se è consapevole di avere un passo gara che nelle libere è sembrato inavvicinabile per tutti. Anche perché i punti si conquistano solo domani.

Charles Leclerc ha confermato che la Ferrari è in crescita anche su una pista ostica per la Rossa come Silverstone. Il monegasco con 1'25"172 è arrivato ad appena 79 millesimi dalla partenza al palo, dimostrando che la SF90 sta trovando risorse che qualcuno non credeva ci fossero nella macchina di Maranello. L'ostinazione di Mattia Binotto di andare avanti nello sviluppo ha una sua logica e pare che il fondo finalmente funzioni, tant'è che le frecce d'argento non sono parse inattaccabili.

Il ragazzino del Cavallino è stato perfetto, mentre ha deluso Sebastian Vettel che non ha mai trovato ul passo giusto in questa qualifica: il tedesco è precipitato al sesto posto pagando sei decimi dal compagno di squadra, un divario inspiegabile.

Se Mercedes e Red Bull si schiereranno al via con le gomme Medie, le due Ferrari hanno preferito diversificare la strategia puntando sulle Soft, lasciando la porta aperta alla tattica delle due soste in gara. Leclerc aveva superato la Q2 con le gialle, ma all'ultimo momento ha migliorato la sua prestazione con le Rosse per impedire che gli avversari potessero copiare l'idea Ferrari. Vedremo domani in corsa chi avrà fatto la scelta più giusta, tenendo conto che la SF90 sembra cresciuta rispetto alle prove libere, visto che ieri pagava 1"2 nel long run.

Il team del Cavallino deve fare attenzione a Max Verstappen: il vincitore dell'Austria è di nuovo in seconda fila accanto a Leclerc: l'olandese ha lasciato neanche due decimi dalla testa per cui la Red Bull RB15 è da considerarsi una pretendente al podio.

Positivo anche Pierre Gasly sesto: il francese è sempre stato davanti a Verstappen in tutto il weekend, ma quando è stato il momento di fare sul serio Max ha fatto un salto di qualità. Pierre è riuscito a limitare il distacco dal suo capitano a tre decimi, confermando il passo avanti.

Il primo degli altri è Daniel Ricciardo con la Renault in crescita: l'australiano è settimo con un telaio sostituito visto che gli avevano trovato una crepa sulla scocca dell'Austria. Daniel ha fatto la differenza su Nico Hulkenberg che con la seconda R.S.19 non è andato oltre il decimo posto.

Molto buono l'ottavo posto di Lando Norris con la McLaren davanti alla Toro Rosso di Alexander Albon: i due rookie sono i giovani più interessanti della griglia.

Sfiora la Q3 Antonio Giovinazzi con l'Alfa Romeo che precede di 27 millesimi Kimi Raikkonen con la vettur gemella di Hinwil. L'italiano sembra aver superato la fase difficile di inizio stagione: confermarsi davanti al finlandese dà un segno della maturazione in corso.

La delusione di questa qualifica è Carlos Sainz con la seconda McLaren: lo spagnolo non è andato oltre un mediocre 13esimo posto con la MCL34 che poteva ambire a qualcosa di più, dopo essere stato regolarmente nella top 10 nell'arco delle prove libere.

Romain Grosjean è 14esimo con la migliore Haas: la monoposto by Varano non ha mai trovato un buon bilanciamento. Il francese ha smesso di fare gli errori di ieri, ma è finito nella seconda parte del gruppo precedendo Sergio Perez 15esimo con una mediocre Racing Point, traendo il massimo dalla deludente RP19.

Non è uscito dalla Q1 Kevin Magnussen con l'altra Haas: il danese è dall'inizio del weekend che subisce la supremazia del compagno di squadra in difficoltà con la VF-19. Il nordico ha avuto la meglio su Daniil Kvyat solo 17esimo con la Toro Rosso: il russo non ha trovato un buon bilanciamento della monoposto ed è riuscito a tenere a bada Lance Stroll di 41 millesimi di secondo. 

Leggi anche:

Il canadese subisce un'altra mazzata da Sergio Perez che lo ha sempre surclassato dall'inizio del campionato e papà Lawrence sarebbe contento se il messicano l'anno prossimo cambiasse aria visto che è uno degli uomini che hanno un mercato.

Fanno un altro sport i due piloti della Williams: George Russell mantiene la leadership nel team di Grove rifilando mezzo secondo a Robert Kubica che chiude la griglia di partenza pagando un pesante 10 a 0.

Cla Pilota Tempo Distacco km orari
1 Finland Valtteri Bottas 1'25.093   249.228
2 United Kingdom Lewis Hamilton 1'25.099 0.006 249.210
3 Monaco Charles Leclerc 1'25.172 0.079 248.997
4 Netherlands Max Verstappen 1'25.276 0.183 248.693
5 France Pierre Gasly 1'25.590 0.497 247.781
6 Germany Sebastian Vettel 1'25.787 0.694 247.212
7 Australia Daniel Ricciardo 1'26.182 1.089 246.079
8 United Kingdom Lando Norris 1'26.224 1.131 245.959
9 Thailand Alexander Albon 1'26.345 1.252 245.614
10 Germany Nico Hulkenberg 1'26.386 1.293 245.498
11 Italy Antonio Giovinazzi 1'26.519 1.426 245.120
12 Finland Kimi-Matias Räikkönen 1'26.546 1.453 245.044
13 Spain Carlos Sainz Jr. 1'26.578 1.485 244.953
14 France Romain Grosjean 1'26.757 1.664 244.448
15 Mexico Sergio Perez 1'26.928 1.835 243.967
16 Denmark Kevin Magnussen 1'26.662 1.569 244.716
17 Russian Federation Daniil Kvyat 1'26.721 1.628 244.549
18 Canada Lance Stroll 1'26.762 1.669 244.434
19 United Kingdom George Russell 1'27.789 2.696 241.574
20 Poland Robert Kubica 1'28.257 3.164 240.293
Articolo successivo
LIVE Formula 1, GP di Gran Bretagna: Qualifiche

Articolo precedente

LIVE Formula 1, GP di Gran Bretagna: Qualifiche

Articolo successivo

Leclerc: "Ho fatto il massimo, ma siamo vicini alle Mercedes"

Leclerc: "Ho fatto il massimo, ma siamo vicini alle Mercedes"
Carica i commenti