F1 | Masi: "Il GP di Miami non sarà una gara in un parcheggio"

Michael Masi, direttore di gara di F1, ha assicurato a Motorsport.com che il GP di Miami 2022 non sarà una gara in un parcheggio, ma un evento vero. Per Brown, invece, sarà l'evento più importante del prossimo Mondiale.

F1 | Masi: "Il GP di Miami non sarà una gara in un parcheggio"

La gestazione è stata lunga, piena di ostacoli, ma i promotori dell'evento non si sono lasciati sopraffarre dagli eventi e, alla fine, hanno ottenuto il risultato sperato: il Gran Premio di Miami è stato inserito nel calendario 2022 di Formula 1 e l'anno prossimo sarà disputato.

Nei giorni scorsi Michael Masi, direttore di gara di Formula 1, è stato a visitare lo stadio dei Miami Dolphins, franchigia di NFL, attorno a cui è stato disegnato il tracciato che nascerà in una delle città più celebri della Florida.

La prima idea degli organizzatori - lo ricordiamo - era preparare un tracciato con vista sull'oceano, poi però i piani sono cambiati ed è stata sfruttata la zona limitrofa dell'imponente impianto dei Dolphins.

Masi, dopo aver visitato il posto per verificare i progressi dei lavori legati alla pista, a Motorsport.com ha dichiarato: "E' un circuito vero e proprio. E' ben distante dall'essere una gara in un parcheggio, se consideriamo la mole di lavoro che si sta facendo e il territorio su cui si farà. La struttura sta crescendo molto, molto bene e sarà qualcosa di unico".

Leggi anche:

Masi ha affermato di essere impressionato dal mondo in cui i promotori stanno costruendo la pista e, allo stesso tempo, riescono a gestire regolarmente gli eventi che si devono tenere nell'impianto di gioco.

"E' fantastico il modo in cui stanno integrando lavori e impegni della stagione di NFL, perché i lavori per la pista coinvolgono anche l'impianto dei Dolphins. Penso che sia un merito per loro. Stanno facendo grandi lavori. La settimana scorsa erano al lavoro, poi hanno dovuto mettere tutto via per la partita allo stadio nel weekend. il giorno dopo hanno ripreso. La pista sta venendo molto bene".

 

Gli Stati Uniti potrebbero essere teatro di una terza gara in F1. I 400.000 presenti nel weekend di Austin appena la settimana scorsa ha dimostrato quanto la F1 stia facendo breccia in un mercato importante come quello USA. A tal proposito, l'amministratore delegato della McLaren Zak Brown ha detto che il GP di Miami potrebbe essere il biglietto da visita giusto per fare in modo di correre anche una terza gara sul suolo americano.

"Il mercato americano potrebbe sicuramente gestire una terza gara. Non sarà facile gestire tre eventi nello stesso posto e la lista dei desideri è ampia. Correre a New York sarebbe grande, Las Vegas anche. Sarebbe eccellente correre in uno dei grandi mercati e speriamo che possa accadere".

"Penso che la gara di Austin abbia dato un segnale, ma debba avere conferme. Potrebbe accadere l'anno prossimo con il GP di Miami, il biglietto da visita, l'evento più importante per la F1 nella prossima stagione".

condividi
commenti
McLaren, l'espansione in altre categorie per risorgere in F1
Articolo precedente

McLaren, l'espansione in altre categorie per risorgere in F1

Articolo successivo

Marko: "Ci mancano 50 punti, ma Max resta davanti"

Marko: "Ci mancano 50 punti, ma Max resta davanti"
Carica i commenti