Lowe non teme i consumi per lo spettacolo dei Gp!

condividi
commenti
Lowe non teme i consumi per lo spettacolo dei Gp!
Franco Nugnes
Di: Franco Nugnes
15 feb 2014, 08:09

Il CEO di Mercedes è sicuro che si vedrà la battaglia non appena si conosceranno le giuste strategie

Inutile nasconderlo: nel paddock di Formula 1 c'è una gran paura sulle nuove regole, ma Paddy Lowe, direttore esecutivo della Mercedes, non sembra preoccupato. Diversi osservatori temono che i Gran Premi potranno diventare noiosi per i vincoli che sono stati dettati dalla norma sui consumi che limita a 100 kg la capacità del serbatoio per coprire la fatidica distanza dei 305 km di gara. Il rischio sarà di vedere un "trenino" di monoposto che cercherà di stare in scia per limitare il consumo in alcune porzioni di gara, con frequenti variazioni della posizione al vertice perché chi sarà in testa chiederà il "cambio", come accade nel gruppo del ciclismo, facendosi magari da parte per mettere all'...aria aperta un avversario. Insomma, potrebbero non esserci quelli che noi chiamiamo sorpassi, ma posizioni volutamente cedute per stare dietro coperti e allineati a risparmiare qualche goccio di benzina per le ultime decisive tornate. Paddy Lowe, team principal che divide il compito con Toto Wolff nel team di Brackley, non è dello stesso avviso: considera il limite di 100 chili di benzina per gara un tema importante, ma irrilevante ai fini dello spettacolo. Il CEO di Mercedes, infatti, sostiene che tanto il carburante che le gomme sono componenti che hanno sempre dovuto gestire in gara e, quindi, non rappresentano una novità per i piloti e le squadre: una volta capite le strategie più corrette, il consumo non influenzerà la battaglia in corsa e quindi lo spettacolo. Speriamo bene...
Articolo successivo
Marko: "Con Renault lavoriamo alla soluzione dei guai"

Articolo precedente

Marko: "Con Renault lavoriamo alla soluzione dei guai"

Articolo successivo

La FOTA senza soldi sta per essere chiusa?

La FOTA senza soldi sta per essere chiusa?
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie Formula 1
Autore Franco Nugnes