Formula 1
G
GP del Bahrain
28 mar
Prove Libere 1 in
26 giorni
09 mag
Prossimo evento tra
67 giorni
G
GP dell'Azerbaijan
06 giu
Gara in
98 giorni
G
GP del Canada
13 giu
Gara in
106 giorni
G
GP di Francia
24 giu
Prossimo evento tra
116 giorni
01 lug
Prossimo evento tra
123 giorni
G
GP di Gran Bretagna
15 lug
Prossimo evento tra
137 giorni
G
GP d'Ungheria
29 lug
Prossimo evento tra
151 giorni
G
GP del Belgio
26 ago
Prossimo evento tra
179 giorni
02 set
Prossimo evento tra
186 giorni
09 set
Prossimo evento tra
193 giorni
G
GP della Russia
23 set
Prossimo evento tra
207 giorni
G
GP di Singapore
30 set
Prossimo evento tra
214 giorni
G
GP del Giappone
07 ott
Prossimo evento tra
221 giorni
G
GP degli Stati Uniti
21 ott
Prossimo evento tra
235 giorni
G
GP del Messico
28 ott
Prossimo evento tra
242 giorni
G
GP dell'Arabia Saudita
03 dic
Prossimo evento tra
278 giorni
G
GP di Abu Dhabi
12 dic
Prossimo evento tra
287 giorni

F1: gli ascolti TV hanno tenuto botta nel 2020

Gli ascolti televisivi della Formula 1 hanno tenuto bene nel 2020, nonostante lo stop iniziale ed il calendario rivisto imposti dalla pandemia del Coronavirus.

condividi
commenti
F1: gli ascolti TV hanno tenuto botta nel 2020

Con il Gran Premio d'Australia annullato a marzo, e la stagione che non è iniziata fino a luglio, la F1 non ha disputato alcun GP nella prima metà dell'anno.

Se questa interruzione avrebbe potuto provocare un drammatico calo di audience, la F1 ne ha riportato solamente uno leggero rispetto al 2020, con un numero di spettatori che è ancora in linea con gli anni precedenti.

Il pubblico televisivo per il 2020 è stato di 1,5 miliardi di spettatori, che va confrontato con gli 1,9 miliardi del 2019. Tuttavia, va ricordato che questo è stato ottenuto con solo 17 GP, a differenza dei 21 della stagione precedente. La media degli spettatori per gara, dunque, non ha avuto un calo troppo grande.

La media di spettatori per gara è stata di 87,4 milioni lo scorso anno, con un calo del 4,5% rispetto al 2019. Tuttavia, rispetto alla media di 87 milioni nel 2016, 2017 e 2018, e agli 80 milioni nel 2014 e nel 2015, la cifra non è troppo inaspettata, considerando la stagione insolita.

La gara con il pubblico televisivo più numeroso è stata il Gran Premio d'Ungheria, che ha attirato 103,7 milioni di spettatori, circa il 7% in più rispetto al 2019. Il Gran Premio del Portogallo ha attirato 100,5 milioni di spettatori, quello di Sakhir 98,1 milioni e quello di Turchia 89,1 milioni.

Alcune aree geografiche hanno visto un aumento dell'interesse, con la Cina che ha avuto un incremento di spettatori del 43% rispetto all'anno precedente. Il pubblico olandese è aumentato del 28%, mentre la Gran Bretagna (10%), la Russia (71%) e la Germania (5%) hanno goduto a loro volta una crescita.

L'amministratore delegato della F1, Stefano Domenicali, ritiene che i dati di audience dello scorso anno testimoniano la forza della F1, che avrebbe potuto affrontare seri problemi se la stagione fosse stata interrotta definitivamente.

"L'anno scorso è stato un momento senza precedenti per tutti e la Formula 1 ha dovuto adattarsi alle sfide presentate dalla pandemia", ha detto.

"Abbiamo disputato 17 gare, qualcosa che molti pensavano impossibile all'inizio dell'anno. Lo abbiamo fatto in modo sicuro e abbiamo portato emozioni e nuove gare ai nostri fan in tutto il mondo".

"Le cifre del pubblico per il 2020 mostrano la forza e la resilienza del nostro sport, con una media di 87,4 milioni di spettatori nel 2020 e un pubblico totale della stagione di 1,5 miliardi".

Ha aggiunto: "Siamo orgogliosi di ciò che abbiamo fatto nel 2020 e sappiamo di avere una base di fan incredibilmente forte e una piattaforma di pubblico da far crescere nei prossimi anni".

"Siamo lieti che i nostri fan provino una forte soddisfazione per lo sport, la nostra stagione e il modo in cui abbiamo risposto alla pandemia globale. Non vediamo l'ora che inizi la stagione 2021, dopo la pausa invernale, e sappiamo che i nostri fan siano eccitati quanto noi di iniziare a correre".

Hamilton: "Con Mercedes nasce una fondazione sulla diversità"

Articolo precedente

Hamilton: "Con Mercedes nasce una fondazione sulla diversità"

Articolo successivo

Podcast: Roberto Chinchero racconta Sergio Perez

Podcast: Roberto Chinchero racconta Sergio Perez
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie Formula 1
Autore Jonathan Noble