Clamoroso: nel 2020 Zandvoort potrebbe sostituire Barcellona nel calendario di F1

condividi
commenti
Clamoroso: nel 2020 Zandvoort potrebbe sostituire Barcellona nel calendario di F1
Di:
30 apr 2019, 14:33

Stando a quanto appreso da Motorsport.com sarebbe già stato approntato un contratto tra i promotori dell'evento e la F1, ma questo deve ancora essere firmato.

Nelle ultime ore è trapelata una clamorosa indiscrezione che vorrebbe l'ingresso di Zandvoort nel calendario di Formula 1 a partire dalla stagione 2020. L'indiscrezione aumenta il suo peso specifico perché, stando a quanto raccolto da Motorsport.com, Zandvoort potrebbe prendere il posto di Barcellona.

L'introduzione di Zandvoort sarebbe figlia della scia di successo che sta ottenendo Max Verstappen. Il GP d'Olanda potrebbe così ritornare nel calendario di F1 dopo 35 anni. L'ultima edizione è datata 1985. 

Leggi anche:

Una fonte molto attendibile di Motorsport.com ha dichiarato a Baku che è stato già stilato un contratto tra i detentori dei diritti commerciali della F1 e i promotori di Zandvoort, ma questo non è ancora stato firmato. Un dettaglio non da poco, ma comunque lascia intendere la volontà della F1 di cavalcare l'effetto Verstappen che nelle ultime stagioni ha mosso una grande quantità di tifosi del giovane talento orange. 

Barcellona è invece una delle 5 gare con i contratti in scadenza al termine del 2019 assieme a Silverstone, Hockenheim, Monza e CIttà del Messico. Tutte queste location stanno facendo i conti per vedere di trovare un accordo per rimanere in F1, ma la situazione più vulnerabile sembra proprio essere quella del GP di Spagna.

L'evento ha perso il sostegno del governo e l'assenza di Fernando Alonso dopo tanti anni sarà quasi certamente un duro colpo per le entrate derivanti dalla vendita dei biglietti, a meno che il 2 volte iridato non torni in F1 a sorpresa.

La prima parte del Mondiale 2020 è già sistemata, con Australia, Bahrain, Cina e Azerbaijan a cui si aggiungerà ad aprile il Vietnam. 

Leggi anche:

Zandvoort ha ospitato per la prima volta una gara del campionato del mondo di F1 nel 1952 ed è stato un appuntamento praticamente fisso del calendario fino al 1985, non ospitando l'evento in appena 4 edizioni. Nell'ultimo periodo in cui è rimasta nel calendario, Zandvoort ha ospitato la F1 alla fine di agosto, ossia nel periodo temporale ora occupato dal Gran Premio del Belgio. Tuttavia, nei primi anni la gara si era sempre tenuta tra maggio e giugno e nel 1962 fu addirittura la gara d'apertura della stagione.

Per ospitare la F1 il tracciato richiederà un'enorme quantità di lavoro per portare i suoi impianti ai livelli richiesti dalla FIA, ma, una volta confermato il suo ingresso nel calendario, il piano è terminare i lavori sulle strutture entro il mese di marzo dell'anno prossimo.

Lo scorso mese d'ottobre il compianto Charlie Whiting aveva ispezionato la pista per conto della FIA, ma solo dal punto di vista della pista: "Penso che Zandvoort abbia un grande potenziale", aveva spiegato in quell'occasione. "Alcune cose dovranno essere cambiate, ma la volontà di farlo c'è".

Articolo successivo
Senna Day 2019: 25 anni senza Ayrton

Articolo precedente

Senna Day 2019: 25 anni senza Ayrton

Articolo successivo

Williams FW08C, la prima F1 di Senna

Williams FW08C, la prima F1 di Senna
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie Formula 1
Autore Adam Cooper