Schiaffo alle Mercedes di René Rast, grande vittoria in Gara 1 ad Hockenheim

condividi
commenti
Schiaffo alle Mercedes di René Rast, grande vittoria in Gara 1 ad Hockenheim
Francesco Corghi
Di: Francesco Corghi
13 ott 2018, 13:14

Quinto successo consecutivo del pilota Audi che rifila una sberla a Paffett e Di Resta, entrambi giù dal podio e in netta difficoltà oggi nel finale. Grande recupero di Frijns, secondo davanti a Glock, bene Duval, sfortunato Farfus, Wittmann rompe mentre rimonta.

René Rast schiaffa la cinquina in faccia ai piloti Mercedes andando a trionfare in una Gara 1 del DTM ad Hockenheim, risolta solamente nel finale dopo 34 giri da sconsigliare ai deboli di cuore. Il duello fra il portacolori dell'Audi Sport Team Rosberg e le Mercedes-AMG C 63 di Gary Paffett e Paul Di Resta per il titolo oggi è andato al Campione in carica, che con una prova sontuosa e approfittando dei guai degli altri si riporta sotto alla coppia della Stella di Stoccarda in classifica di campionato.

Dei tre, chi non sembra meritarsi più di tanto il titolo è proprio Di Resta, oggi ottavo al traguardo, mai in grado di distinguersi e lottare per il vertice, e molto più in difficoltà rispetto ai due colleghi, che fin dallo spegnimento dei semafori hanno regalato al folto pubblico assiepato sulle tribune uno spettacolo vero fra sorpassi, staccate e colpi proibiti.

Al via Lucas Auer - partito in pole position - ha mantenuto la leadership per poche curve, dato che il ragazzo del Team HWA-Silberpfeil Energy ha giustamente fatto gioco di squadra lasciando via libera a Paffett, mentre dietro di loro un ottimo Augusto Farfus ha bruciato Rast andando a prendersi il terzo posto. Di Resta si è accodato all'Audi RS 5 rossa del pilota del Team Rosberg, che in sequenza ha prima riscavalcato la BMW M4 di Farfus (giro 4) per poi fare altrettanto con Auer.

Di Resta si è trovato in difficoltà al giro 6 coinvolto in una bagarre scintillante con Robin Frijns e Timo Glock. Auer è stato superato anche da Farfus, ma l'austriaco ha riportato problemi alzando bandiera bianca lasciando il brasiliano del Team RMG in lotta per il podio con Frijns e Di Resta. L'olandese dell'Audi Sport Team Abt Sportsline ha commesso una scorrettezza nei confronti di Di Resta, colpendolo con la sua RS 5 e facendo perdere terreno allo scozzese del Team HWA-Remus al quale ha dovuto cedere nuovamente la posizione dopo una comunicazione da parte della direzione gara.

Nel frattempo è cominciata la girandola dei pit stop: Rast si è fermato al giro 13 provando l'undercut su Paffett. La mossa è riuscita alla perfezione, dato che l'inglese ha cambiato gomme alla tornata successiva, rientrando davanti al tedesco, che sfruttando gli pneumatici caldi lo ha scavalcato prendendosi la leadership.

La coppia ha proseguito a stretto contatto, ma dietro sono cominciati i guai per Di Resta, superato anche dall'Audi RS 5 del Team Phoenix condotta da Loïc Duval al giro 19. Poco dopo, ecco cominciare i ruota a ruota e le sportellate fra Paffett e Rast, scambiatisi le posizioni un paio di volte fra il giro 23 e il giro 26, quando Farfus alla frenata del tornantino ha clamorosamente perso la portiera sinistra; inevitabile l'ingresso della Safety Car a raggruppare le macchine, con il sudamericano costretto a tornare ai box e a ritirarsi causa lamiere incastrate nella fiancata.

La vettura di sicurezza è rimasta in pista fino a 14' dalla conclusione, uscendo al 28° passaggio e dando modo a Rast di fuggire immediatamente via alla ripartenza stile "Indy". A centro gruppo si è verificata una doppia escursione fuori pista alla "Parabolika" con Di Resta e Marco Wittmann larghissimi all'esterno; a rimetterci maggiormente è stato il ragazzo del Team RMG, costretto a parcheggiare poco dopo la sua BMW M4 nella via di fuga. Un vero peccato perché il Bi-Campione DTM aveva rimontato fino alla Top10 partendo dalla pit-lane.

Paffett si è trovato in netta difficoltà a reggere il passo non solo di Rast, ma anche di chi seguiva. Questo ha portato Glock a superarlo al giro 30, ma chi è risultato più in palla di tutti è stato Frijns, bravo a sfruttare le gomme più fresche della sua Audi. Robin ha sopravanzato Di Resta nella lotta per la Top5, poi si è sbarazzato di Duval al giro 31 raggiungendo Paffett al giro 32; scavalcato anche il britannico, il pilota dell'Audi #4 ha fatto fuori anche Glock, poi si è accodato a Rast proteggendolo.

Glock non ha potuto fare più di tanto per tenere il passo delle due auto dei Quattro Cerchi, transitate in parata sotto la bandiera a scacchi; l'ex Toyota F1 regala comunque un buon podio al BMW Team RMR davanti a Paffett, che mastica amarissimo per aver finito le gomme troppo presto.

E' andata molto peggio a Di Resta, superato proprio al penultimo passaggio dalle Audi dei ragazzi del Team Phoenix, Duval e Mike Rockenfeller, e da quella di Nico Müller (Team Abt Sportsline), chiudendo mestamente ottavo e ritrovandosi secondo in classifica di campionato.

In zona punti ci sono anche Bruno Spengler (BMW Team RBM) ed Edoardo Mortara con la seconda Mercedes del Team HWA-Silberpfeil Energy, entrambi protagonisti di uscite di pista che hanno rparzialmente rovinato la loro prova.

Nessun punto per un opaco - ma non è una novità - Pascal Wehrlein (Team HWA-Petronas), undicesimo davanti alla BMW di Phillip Eng (Team RMR) e all'Audi di Jamie Green (Team Rosberg), con Daniel Juncadella (Mercedes Team HWA-Remus) e Joel Eriksson (BMW Team RBM) a chiudere la classifica.

In campionato Paffett balza in testa a quota 239 punti, superando Di Resta che è a 233, mentre Rast si avvicina ai due raggiungendo quota 224 quando domani in palio ci sono ancora 28 punti come massimo da assegnare. Viste le premesse, ci sarà da tremare fino all'ultimo giro.

Cla   # Pilota Auto Giri Tempo Gap Distacco Pits Punti
1   33 Germany René Rast Audi RS5 DTM 34 56'59.934     1 25
2   4 Netherlands Robin Frijns Audi RS5 DTM 34 57'00.288 0.354 0.354 1 18
3   16 Germany Timo Glock BMW M4 DTM 34 57'01.790 1.856 1.502 1 15
4   2 United Kingdom Gary Paffett Mercedes-AMG C63 DTM 34 57'02.575 2.641 0.785 1 12
5   28 France Loïc Duval Audi RS5 DTM 34 57'05.070 5.136 2.495 1 10
6   99 Germany Mike Rockenfeller Audi RS5 DTM 34 57'06.000 6.066 0.930 1 8
7   51 Switzerland Nico Müller Audi RS5 DTM 34 57'06.916 6.982 0.916 1 6
8   3 United Kingdom Paul di Resta Mercedes-AMG C63 DTM 34 57'07.886 7.952 0.970 1 4
9   7 Canada Bruno Spengler BMW M4 DTM 34 57'08.643 8.709 0.757 2 2
10   48 Italy Edoardo Mortara Mercedes-AMG C63 DTM 34 57'09.957 10.023 1.314 1 1
11   94 Germany Pascal Wehrlein Mercedes-AMG C63 DTM 34 57'10.935 11.001 0.978 1  
12   25 Austria Philipp Eng BMW M4 DTM 34 57'11.587 11.653 0.652 1  
13   53 United Kingdom Jamie Green Audi RS5 DTM 34 57'12.233 12.299 0.646 1  
14   23 Spain Daniel Juncadella Mercedes-AMG C63 DTM 34 57'12.964 13.030 0.731 1  
15   47 Sweden Joel Eriksson BMW M4 DTM 34 57'13.334 13.400 0.370 1  
16   11 Germany Marco Wittmann BMW M4 DTM 27 45'35.550 7 Laps 7 Laps 1  
17   15 Brazil Augusto Farfus BMW M4 DTM 25 41'01.858 9 Laps 2 Laps 2  
  dnf 22 Austria Lucas Auer Mercedes-AMG C63 DTM 6 9'52.614 28 Laps 19 Laps 1  
Prossimo articolo DTM
Lucas Auer precede Paffett e si prende la pole per Gara 1 ad Hockenheim

Articolo precedente

Lucas Auer precede Paffett e si prende la pole per Gara 1 ad Hockenheim

Articolo successivo

Hockenheim, Libere 3: Jamie Green suona la sveglia per le Audi

Hockenheim, Libere 3: Jamie Green suona la sveglia per le Audi
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie DTM
Evento Hockenheim II
Autore Francesco Corghi
Tipo di articolo Gara