Andretti Autosport con motori Honda dal 2014

Andretti Autosport con motori Honda dal 2014

La squadra di patron Michael saluta la Chevrolet dopo aver confermato anche il canadese James Hichcliffe

E venne il giorno di un approdo, anzi, storicamente parlando, di un ritorno alla Honda. La scuderia Andretti Autosport, presenza costante della Indycar da molte stagioni, ha ufficialmente annunciato un recupero dei propulsori giapponesi a partire dal 2014 sulla scorta di un accordo che molti indizi sembrano indicare come pluriennale. Una mossa per certi versi a sorpresa e che riequilibra il parco motorizzazioni della serie americana, visto il recente annuncio di una migrazione del team di Chip Ganassi dalle unità motrici nipponiche agli Chevrolet e la tradizionale fedeltà a quest'ultima della Penske. "È un po' come tornare in famiglia", ha detto il team principal Michael Andretti. "Questa squadra, fin dall'epoca dell'associazione con il Team Green, è stata una delle squadre ufficiali Honda a metà degli Anni 90. Ci sentiamo come se stessimo tornando a riabbracciare vecchi amici. È stato bello lavorare con la Chevy e insieme abbiamo portato a casa grandi successi, ma ora sentiamo che la Honda è la migliore opzione per noi per andare avanti e ne siamo molto entusiasti..." . Tali parole hanno fatto eco a quelle di Art Saint Cyr, capo del programma HPD, che ha ricordato "come una squadra del pedigree della Andretti Autosport sia vitale per le speranze della Honda di vincere titoli piloti e costruttori". Sul California Speedway, patron Michael ha anche reso nota la conferma di James Hinchcliffe come pilota titolare, accanto a Marco Andretti: il canadese, che soltanto quest'anno ha al proprio attivo tre vittorie, sarà sponsorizzato dalla UFC dopo il venir meno del patrocinio economico di GoDaddy.

Diventa parte di qualcosa di grande

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati IndyCar
Piloti Marco Andretti , James Hinchcliffe
Articolo di tipo Ultime notizie