Vettel: "Abbiamo recuperato, ma non abbastanza"

Il tedesco della Red Bull ha sperato nelle condizioni meteo mutevoli, ma con l'asciutto c'è ancora mezzo secondo

Vettel:

Sebastian Vettel in prima fila. Di nuovo. La Red Bull Racing ci contava: l'Hungaroring è sicuramente la pista più adatta alle caratteristiche della RB10. Il secondo tempo è il massimo che a Milton Keynes si potessero aspettare, ma il divario di mezzo secondo è maggiore di quanto fosse preventivabile. Il quattro volte campione del mondo tedesco doveva sperare che accadesse qualcosa anche a Nico Rosberg per andare davanti...

“L’ultimo giro di Nico è stato buono e il gap è stato evidente, certamente maggiore di quanto potessimo contare. Per stare davanti avremmo dovuto fare tutto in mdo perfetto, sperando che Rosberg avesse qualche guaio, ma non è successso. La Q3 era iniziata in modo imprevedibile, ma poi con l'asciutto si è rivisto un distacco importante“.

La Red Bull RB 10 è la monoposto che più si è avvicinata alla Mercedes: “Credo che sia la natura della pista ad averci favorito perché il disegno del tracciato si adatta alle nostre caratteristiche. Ci sono pochi rettilinei e storicamente abbiamo sempre avuto una macchina competitiva in Ungheria per cui ci siamo un po' avvicinati alla Mercedes, ma non è ancora abbastanza“.

La freccia d'argento però sembra imprendibile:
“Beh, noi siamo qui per lottare. Se pioverà, avremo sicuramente delle migliori opportunità che con l’asciutto, anche se i dati ci dicono che siamo più vicini nel passo gara. È stato difficile giudicare quanto gli avversari si stessero nascondendo venerdì, per cui dovremmo essere più vicini rispetto agli ultimi Gp e dovremmo poter lottare con le Williams”.

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Piloti Sebastian Vettel
Articolo di tipo Ultime notizie