Vernay ancora a punti con l'Alfa Romeo: "Ho dato il 250%"

Il francese sul Nordschleife è stato protagonista di due gare consistenti con la Giulietta del Team Mulsanne, su un tracciato ostico che ha richiesto uno sforzo in più, specialmente se alle spalle hai un osso duro come Muller...

Vernay ancora a punti con l'Alfa Romeo: "Ho dato il 250%"

Il weekend "infernale" è passato e il Team Mulsanne-Romeo Ferraris può riportare a casa la sua Alfa Romeo sana, salva e... vincente!

Nelle gare del FIA WTCR al Nurburgring Nordschleife, Jean-Karl Vernay non solo ha conquistato punti preziosi in ottica campionato lungo i 25,378km dell'Inferno Verde, ma pure la vittoria in Gara 2 nel WTCR Trophy, ossia la categoria riservata agli indipendenti.

Il francese ha piazzato ottava la Giulietta Veloce della scuderia di Opera in Qualifica e nei due tostissimi round si è ben destreggiato sui Monti Eifel. In Gara 1 ha rimontato dal fondo fino alla Top10, dopo che era stato retrocesso per la sostituzione del motore, ma  in particolare in Gara 2 sabato mattina ha fatto un mezzo miracolo, respingendo gli assalti di Yvan Muller, dotato di una Lynk & Co decisamente superiore alle vetture rivali.

"Abbiamo iniziato bene, dopo le Prove Libere debbo dire che le Qualifiche non sono state male. Al pomeriggio siamo riusciti ad andare più forte rispetto al mattino, per cui ero ottimista per le prove cronometrate, che però sono state piuttosto insidiose, visto che stava calando la notte. Purtroppo abbiamo trovato anche le bandiere gialle e ho un po' perso qualcosa perché dovevamo fare più giri e restare in pista di più, ma avrei potuto agguantare la Top5. La cosa importante era trovare subito fiducia e un buon bilanciamento, cosa che abbiamo fatto", spiega 'Jay Kay San'.

"In Gara 1 sinceramente non ho capito perché siamo partiti dietro alla Safety Car. E' vero che pioveva un po', ma le condizioni non erano proibitive e infatti pian piano il fondo si stava asciugando. Questo ha reso tutto molto più difficile nello stare con gli altri, l'obiettivo è stato portare a casa macchina e punti, ma andranno capite tante cose per essere migliori in queste condizioni prossimamente".

“Gara 2 è stata molto difficile, ho dovuto tenermi dietro Muller, che è fortissimo e dispone di una macchina oggettivamente fantastica. Ho dovuto dare il 250% per batterlo, ma ce l'ho fatta e ho preso punti pesanti, oltre che vincere nel WTCR Trophy".

Vernay fa poi i complimenti alla squadra, che dopo essersi iscritta all'ultimo momento e con una vettura che poteva rischiare di finire altrove in giro per il mondo, ora ha in cascina già ottimi punti.

"Sono orgoglioso della Romeo Ferraris e del lavoro fatto in questo weekend, continuiamo così. Siamo un team piccolo rispetto agli altri e abbiamo messo insieme questo programma all'ultimo minuto, dunque ogni giorno scopriamo qualcosa di nuovo. Penso che stiamo facendo molto bene e che la stagione sia iniziata positivamente. Sull'asciutto ero velocissimo e molto contento delle prestazioni, mentre sul bagnato ho iniziato a conoscere meglio la mia macchina".

La responsabile Michela Cerruti ha aggiunto: "Siamo soddisfatti di questo fine settimana vissuto al Nordschleife, con risultati positivi a livello assoluto e con la grande soddisfazione di aver ottenuto il primo successo insieme a Jean-Karl Vernay fra gli iscritti al WTCR Trophy. Su un circuito così impegnativo e selettivo, l'Alfa Romeo Giulietta Veloce TCR by Romeo Ferraris si è dimostrata una vettura competitiva in ogni condizione di aderenza".

"Sentiamo di aver trovato il nostro riscatto in una pista incredibile ma che in passato non ci era stata amica, a causa di vari episodi sfortunati. Ora guardiamo con ulteriore fiducia al proseguimento del Mondiale 2020, e nella prossima tappa allo Slovakia Ring riavremo inoltre con noi Luca Filippi in veste di wild-card e quindi una formazione a due punte".

Jean-Karl Vernay, Mulsanne Alfa Romeo Giulietta TCR
Jean-Karl Vernay, Mulsanne Alfa Romeo Giulietta TCR
1/14

Foto di: WTCR

Jean-Karl Vernay, Mulsanne Alfa Romeo Giulietta TCR
Jean-Karl Vernay, Mulsanne Alfa Romeo Giulietta TCR
2/14

Foto di: WTCR

Jean-Karl Vernay, Mulsanne Alfa Romeo Giulietta TCR
Jean-Karl Vernay, Mulsanne Alfa Romeo Giulietta TCR
3/14

Foto di: WTCR

Jean-Karl Vernay, Mulsanne Alfa Romeo Giulietta TCR
Jean-Karl Vernay, Mulsanne Alfa Romeo Giulietta TCR
4/14

Foto di: WTCR

Jean-Karl Vernay, Mulsanne Alfa Romeo Giulietta TCR
Jean-Karl Vernay, Mulsanne Alfa Romeo Giulietta TCR
5/14

Foto di: WTCR

Podio: il vincitore della gara Yann Ehrlacher, Cyan Racing Lynk & Co 03 TCR, secondo posto Thed Björk, Cyan Performance Lynk & Co 03 TCR, terzo posto Attila Tassi, ALL-INKL.DE Münnich Motorsport Honda Civic TCR, Jean-Karl Vernay, Mulsanne Alfa Romeo Giulietta TCR
Podio: il vincitore della gara Yann Ehrlacher, Cyan Racing Lynk & Co 03 TCR, secondo posto Thed Björk, Cyan Performance Lynk & Co 03 TCR, terzo posto Attila Tassi, ALL-INKL.DE Münnich Motorsport Honda Civic TCR, Jean-Karl Vernay, Mulsanne Alfa Romeo Giulietta TCR
6/14

Foto di: WTCR

Jean-Karl Vernay, Mulsanne Alfa Romeo Giulietta TCR
Jean-Karl Vernay, Mulsanne Alfa Romeo Giulietta TCR
7/14

Foto di: WTCR

Jean-Karl Vernay, Mulsanne Alfa Romeo Giulietta TCR
Jean-Karl Vernay, Mulsanne Alfa Romeo Giulietta TCR
8/14

Foto di: WTCR

Jean-Karl Vernay, Mulsanne Alfa Romeo Giulietta TCR
Jean-Karl Vernay, Mulsanne Alfa Romeo Giulietta TCR
9/14

Foto di: WTCR

Jean-Karl Vernay, Mulsanne Alfa Romeo Giulietta TCR
Jean-Karl Vernay, Mulsanne Alfa Romeo Giulietta TCR
10/14

Foto di: WTCR

Jean-Karl Vernay, Mulsanne Alfa Romeo Giulietta TCR
Jean-Karl Vernay, Mulsanne Alfa Romeo Giulietta TCR
11/14

Foto di: WTCR

Jean-Karl Vernay, Mulsanne Alfa Romeo Giulietta TCR
Jean-Karl Vernay, Mulsanne Alfa Romeo Giulietta TCR
12/14

Foto di: WTCR

Jean-Karl Vernay, Mulsanne Alfa Romeo Giulietta TCR
Jean-Karl Vernay, Mulsanne Alfa Romeo Giulietta TCR
13/14

Foto di: WTCR

Jean-Karl Vernay, Mulsanne Alfa Romeo Giulietta TCR
Jean-Karl Vernay, Mulsanne Alfa Romeo Giulietta TCR
14/14

Foto di: WTCR

condividi
commenti
Hyundai sceglie la Elantra N come nuova arma TCR
Articolo precedente

Hyundai sceglie la Elantra N come nuova arma TCR

Articolo successivo

Hyundai: quando un principio vale più di un Mondiale

Hyundai: quando un principio vale più di un Mondiale
Carica i commenti