WTCR | Lynk & Co lascia la serie: "BoP e gomme, poca sicurezza"

Il marchio cinese non ha accettato la mancanza di soluzioni per i cedimenti delle Goodyear, ma polemizza anche sui pesi di compensazione e il sistema di livellamento delle prestazioni che, suo dire, influisce troppo negativamente sulle 03 TCR. Discovery, FIA e WSC rispondono per le rime.

WTCR | Lynk & Co lascia la serie: "BoP e gomme, poca sicurezza"

La Lynk & Co ha deciso di abbandonare il FIA WTCR con effetto immediato dopo le polemiche sulla sicurezza scaturite a Vallelunga.

La serie turismo sarà di scena questo fine settimana in Alsazia, ma le 03 TCR gestite dalla Cyan Racing non vi prenderanno parte.

La motivazione è, secondo il Costruttore cinese, la mancanza di soluzioni riguardo i cedimenti degli pneumatici Goodyear, che già al Nordschleife avevano causato la cancellazione delle gare.

In Italia, un paio di settimane fa, si erano verificati ulteriori problemi e le Lynk & Co, polemicamente, avevano percorso solo il giro di formazione, per poi rientrare ai box e non disputare le due gare in programma.

La 'politica' è sempre dietro l'angolo comunque, e in Cyan Racing puntano il dito sul Balance of Performance, a loro dire troppo sfavorevole e andando ad inficiare sul rendimento delle coperture che non garantirebbero più stabilità e affidabilità.

Santiago Urrutia, Cyan Performance Lynk & Co, Lynk & Co 03 TCR

Santiago Urrutia, Cyan Performance Lynk & Co, Lynk & Co 03 TCR

Photo by: WTCR

"Quest'anno abbiamo un pneumatico che non è in grado di sostenere il Balance of Performance e del peso di compensazione per tutte le vetture su tutte le piste. E la nostra è la più pesante di tutte. Di conseguenza, i nostri piloti sono soggetti a cedimenti delle coperture ad alta velocità e a incidenti. È semplicemente impossibile per Cyan Racing continuare la stagione in modo sicuro", ha dichiarato Fredrik Wahlén, team manager di Cyan Racing.

"È la decisione più difficile che abbiamo mai preso, perché ogni singolo membro di Cyan Racing è qui per vincere e ha sacrificato molte cose per arrivare dove siamo oggi. Ma non possiamo correre in modo sicuro nelle circostanze attuali e la sicurezza è la nostra priorità numero uno. Desideriamo ringraziare la FIA per il suo sostegno in queste difficili circostanze".

Le 5 macchine guidate da Thed Bjork, Yvan Muller, Ma Qing Hua, Yann Ehrlacher e Santiago Urrutia non scenderanno quindi in pista ad Anneau Du Rhin fra un paio di giorni, ma nemmeno nelle restanti gare del 2022.

Alexander Murdzevski Schedvin, responsabile di Geely Group Motorsport, ha aggiunto: "È stata una situazione prolungata e incredibilmente frustrante per il team, i piloti, i partner commerciali e i fan, una situazione che ci ha progressivamente messo fuori dal campionato".

"Siamo molto grati per gli sforzi compiuti dalla FIA nel cercare di trovare una soluzione. Purtroppo ciò non ha potuto presentare una soluzione soddisfacente per consentire a Cyan Racing di partecipare al WTCR in modo sicuro".

Ma Qing Hua, Cyan Racing Lynk & Co, Lynk & Co 03 TCR

Ma Qing Hua, Cyan Racing Lynk & Co, Lynk & Co 03 TCR

Photo by: WTCR

Per il WTCR è un'ulteriore mazzata, dato che ora in pista rimangono solamente 2 Hyundai, 4 Honda, 4 Audi e 2 Cupra. C'è lo spettro della fine che fece il WTCC nel 2017, ma bisognerà anche riflettere su diverse cose riguardo alla gestione generale del campionato.

Fin dal 2018 c'erano state polemiche sul BoP e la Hyundai fece la prima mossa rinunciando nel 2020 alle gare in Germania, mentre la Lynk & Co già l'anno scorso diede segni di disapprovazione, pur avendone beneficiato in diverse occasioni. La massima serie turismo è al bivio del non ritorno: trovare immediatamente nuove soluzioni tecnico-politiche-gestionali, oppure morire. Di nuovo...

Discovery risponde: "Decisione sorprendente e spiacevole"

Nel pomeriggio, dopo ulteriori discussioni, il promoter Discovery Sports Events e la FIA hanno emesso un comunicato per confermare la prosecuzione dell'evento e del campionato, oltre che rispondere a Lynk & Co.

L'allarme era emerso perché il regolamento del WTCR nell'Articolo 5.8 recita quanto segue:

"Una Competizione può essere cancellata se sono iscritte meno di 16 auto".

In una riunione fiume, promoter e Federazione, oltre che i rappresentanti di WSC Ltd - proprietario del TCR - e dei team, hanno scelto di disputare le gare in Alsazia, seppur a ranghi ridotti, come spiega la nota emessa.

La partenza di Gara 2

La partenza di Gara 2

Photo by: WTCR

"Discovery Sports Events e la FIA sono sorpresi dalla decisione di Cyan Racing e Geely Group Motorsport di interrompere la loro partecipazione al WTCR 2022 - FIA World Touring Car Cup, che non era attesa alla luce dell'ampio dialogo tra FIA, Cyan Racing, Geely Group Motorsport, Goodyear e WSC per risolvere i problemi di pneumatici verificatisi durante la WTCR Race of Italy".

"Durante le positive discussioni di venerdì tra FIA, Geely e WSC, le misure proposte da FIA e WSC hanno incluso la riduzione del peso di compensazione di tutte le vetture WTCR di 20 chilogrammi, la proposta di Goodyear di organizzare un test aggiuntivo ad Anneau du Rhin questa sera per dare a tutti i team l'opportunità di utilizzare le impostazioni raccomandate dal gommista su una pista dove Cyan Racing ha effettuato test all'inizio di quest'anno, insieme ad altri team, senza riportare alcun problema relativo ai pneumatici".

"Oltre a sostenere questo test aggiuntivo e l'analisi condotta per garantire che i pneumatici funzionino bene su questo circuito, Goodyear si è offerta di sostituire i pneumatici di riserva dell'evento precedente".

"L'annuncio di oggi, soprattutto in prossimità della gara di casa di Yann Ehrlacher e Yvan Muller, due dei piloti più rappresentativi del FIA World Touring Car, non è solo sorprendente ma anche molto spiacevole e condividiamo il senso di frustrazione collettivo del promotore della WTCR Race of Alsace GrandEst e dei fan".

"Fortunatamente, il WTCR può contare sulla partecipazione di numerosi altri top team e piloti, il che significa che la WTCR Race of Alsace GrandEst si svolgerà come previsto".

"L'attenzione si sposterà quindi sulle restanti gare della stagione, i cui dettagli saranno annunciati una volta completata la votazione elettronica del FIA World Motor Sport Council, prevista per l'8 agosto".

Gilles Magnus, Comtoyou Team Audi Sport, Audi RS 3 LMS

Gilles Magnus, Comtoyou Team Audi Sport, Audi RS 3 LMS

Photo by: WTCR

Marcello Lotti, ideatore del TCR e capo di WSC, ha aggiunto: "WSC ha sempre rispettato le decisioni dei concorrenti, ma in questo caso non riesco a trovare alcuna motivazione. Soprattutto dopo che WSC ha elaborato, insieme alla FIA, al promotore della serie e al fornitore di pneumatici, misure che risolverebbero i problemi, come una riduzione di 20 chili del peso di gara di tutte le vetture e un aumento del numero di pneumatici nuovi che possono essere utilizzati durante il weekend di gara".

"Vale la pena sottolineare che la suddetta riduzione di peso renderebbe le vetture di Lynk & Co più leggere di 30 kg rispetto alla fine della stagione 2021".

"Inoltre, nel programma di questo fine settimana sono state inserite due sessioni di prove libere, per offrire a tutti i concorrenti l'opportunità di valutare l'efficacia di queste misure rispetto alle caratteristiche della pista".

"WSC sarà presente questo fine settimana all'Anneau du Rhin, per dimostrare il suo pieno sostegno alla FIA, al promotore, ai concorrenti e alle parti interessate".

condividi
commenti
WTCR | Magnus ed Azcona mattatori ad Aragón
Articolo precedente

WTCR | Magnus ed Azcona mattatori ad Aragón

Articolo successivo

WTCR | Caos Lynk & Co, tra richieste improponibili e dietrofront

WTCR | Caos Lynk & Co, tra richieste improponibili e dietrofront