WTCR: Huff e un debutto con Cupra che fortifica il carattere

Rob Huff è tornato a correre nel FIA World Touring Car Cup con la Cupra al Nurburgring Nordschleife in un weekend che però lo ha lasciato a mani vuote.

WTCR: Huff e un debutto con Cupra che fortifica il carattere

Il Campione 2012 del FIA WTCC in entrambe le gare disputate lungo i 25,378km dell'Inferno Verde è incappato in contatti che l'hanno messo fuori causa, negandogli la possibilità di esprimersi al meglio.

L'inglese, che rientrava nella massima serie turismo dopo averla lasciata a fine 2019, era scattato benissimo dal 18° posto con la Cupra Leon Competición TCR preparata dalla Zengo Motorsport, ma proprio quando aveva raggiunto il 13° posto, una doppia collisione con due rivali avvenuta al giro 2 lungo la parte GP Strecke della pista tedesca l'ha obbligato a rientrare ai box.

Riparati i danni, Huff è ritornato in azione e di fatto ha concluso la gara, vinta da Tiago Monteiro davanti ad Yvan Muller e Santiago Urrutia.

Gara 2 è invece terminata prima ancora di iniziare, dato che il britannico è stato coinvolto in una carambola che ha costretto al ritiro pure Gabriele Tarquini, Norbert Michelisz e la Cupra di Mikel Azcona.

Rob Huff Zengo Motorsport CUPRA

Rob Huff Zengo Motorsport CUPRA

Photo by: Rob Huff

Jean-Karl Vernay ha invece conquistato il successo in Gara 2 seguito da Luca Engstler e Néstor Girolami. La migliore delle Cupra è stata quella di Bence Boldizs, che con la 13a piazza ha portato a casa 3 punti.

Huff ha evidenziato che la frenesia di alcuni suoi avversari al debutto nella serie ha giocato un brutto scherzo.

“E’ stata molto dura. In Gara 1 siamo stati colpiti da una Honda che ci ha danneggiato la macchina, per cui sono dovuto tornare ai box per cambiare una gomma, dato che il parafango la stava tagliando”, ha commentato Huff.

“In Gara 2 nessuno voleva lasciare spazio agli altri e di fatto si è conclusa con una carambola e tante auto ritirate. E' stato un vero peccato, ma quando parti dietro hai tutto il tempo per capire cosa sta succedendo e rimontare".

"Purtroppo qualcuno che era nuovo nel campionato ha dimostrato di essere un po' troppo impaziente e ha causato parecchi danni a chi era indietro, fra l'altro senza una ragione".

"Abbiamo riportato troppi danni, anche se non ero al massimo della velocità, ma sono stato mandato in testacoda e ho centrato il mio compagno Mikel, il massimo della sfortuna. E' stato un weekend duro per il team, ma di quelli che fortifica il carattere".

“Siamo già pronti per il prossimo round dell'Estoril”.

Il WTCR correrà in Portogallo il weekend del 26-27 giugno.

Rob Huff Zengo Motorsport CUPRA

Rob Huff Zengo Motorsport CUPRA

Photo by: Rob Huff

condividi
commenti
WTCR, Tarquini: "Ho pagato carissimo i miei errori"

Articolo precedente

WTCR, Tarquini: "Ho pagato carissimo i miei errori"

Articolo successivo

Monteiro: dalla quasi morte alla resurrezione all'Inferno (Verde)

Monteiro: dalla quasi morte alla resurrezione all'Inferno (Verde)
Carica i commenti