WTCR: anche Vila Real viene cancellata, si corre solo in Asia?

Pure il Portogallo deve rinunciare, ma sono a forte rischio anche Slovacchia, Spagna e Austria, dunque è plausibile che si aspetti tutta l'estate per poi andare direttamente agli eventi di Cina, Corea, Macao e Malesia.

WTCR: anche Vila Real viene cancellata, si corre solo in Asia?

Vila Real cancellata è solamente l'ultima delle novità del FIA WTCR, che a causa della pandemia di Coronavirus si ritrova senza un altro evento dopo che già erano saltati quelli di Hungaroring e Nürburgring Nordschleife.

Il famigerato COVID-19 non ha lasciato scampo nemmeno al weekend portoghese della massima serie turismo, che sarebbe dovuta approdare sul tracciato cittadino il fine settimana del 19-21 giugno.

Pure in Portogallo le restrizioni adottate sono piuttosto ferree e non ci sono i margini d'azione per garantire lo svolgimento delle gare del WTCR, anche perché trattandosi di una circuito nel centro città, servirebbe comunque parecchio tempo d'anticipo per prepararlo.

"Capiamo perfettamente la decisione di cancellare il round del WTCR a Vila Real, abbiamo provato a trovare soluzioni con gli organizzatori locali, ma bisogna ammettere che la città ora ha altre priorità, dovendo aiutare gli abitanti nella lotta al Coronavirus - ha ammesso François Ribeiro, promoter della serie - Lo spirito di questo evento motoristico è sempre stato celebrato alla grande nel weekend 'Festa da Cidade' dalla gente che ha invaso le strade. Ovviamente a fine giugno non ci sarà modo di festeggiare nulla vista la situazione, per cui in accordo con il sindaco abbiamo preso la difficile decisione di cancellare l'appuntamento dal calendario 2020, per poi tornare più forti il prossimo anno quando Vila Real festeggerà i 90 anni di corse".

L'idea di Eurosport Events era comunque di mantenere tutte le gare previste ad inizio stagione, inserendo negli appuntamenti restanti quelle cancellate in Ungheria e Germania. Questa soluzione chiaramente non sarà più attuabile, anche perché non è affatto sicuro che si possa andare realmente a gareggiare allo Slovakia Ring ad inizio giugno, così come al Salzburgring e ad Aragón.

Molto più probabile che si anticipi la partenza per l'Asia rinunciando alle tappe europee, svolgendo un mini-campionato fra Cina, Corea del Sud, Macao e Malesia. Tutte le idee di Eurosport e Ribeiro dovranno essere approvate dal Consiglio Mondiale FIA e la prossima settimana sapremo quale sarà il nuovo elenco di gare del WTCR.

"Il calendario rivisto del WTCR è già pronto per essere sottoposto all'approvazione della FIA la prossima settimana, le nostre squadre sono costantemente informate ed Eurosport Events e FIA stanno lavorando alacremente per avere una stagione compatta e ricca d'azione tra fine agosto e novembre, basandoci su uno scenario senza precedenti che dovrà fare sì che si possa correre in sicurezza".

condividi
commenti
Michelisz, dagli Esports a Campione WTCR: "Ci vogliono 7-8 anni"
Articolo precedente

Michelisz, dagli Esports a Campione WTCR: "Ci vogliono 7-8 anni"

Articolo successivo

Muller: "Non c'è solo la F1! Andando oltre ho vinto 4 Mondiali"

Muller: "Non c'è solo la F1! Andando oltre ho vinto 4 Mondiali"
Carica i commenti