Rob Huff regala il primo successo alla Volkswagen in Gara 2

Grande prova per l'inglese della SLR che si tiene dietro per tutta la gara le Hyundai di Nagy, Muller e Tarquini, mentre Guerrieri completa la Top5 con la Honda. Michelisz risale sesto, fuori Thompson ed Ehrlacher, punti per Vernay.

Rob Huff regala il primo successo alla Volkswagen in Gara 2
Yvan Muller, YMR Hyundai i30 N TCR
Yvan Muller, YMR Hyundai i30 N TCR
Norbert Michelisz, BRC Racing Team Hyundai i30 N TCR, Yvan Muller, YMR Hyundai i30 N TCR
Yvan Muller, YMR Hyundai i30 N TCR
Yvan Muller, YMR Hyundai i30 N TCR
Yvan Muller, YMR Hyundai i30 N TCR
Rob Huff, Sébastien Loeb Racing Volkswagen Golf GTI TCR
Daniel Nagy, M1RA Hyundai i30 N TCR
Rob Huff, Sébastien Loeb Racing Volkswagen Golf GTI TCR
Zsolt Szabó, Zengo Motorsport Cupra TCR

Vittoria a denti strettissimi per Rob Huff, che si è imposto in Gara 2 del WTCR all'Hungaroring resistendo per tutti e 12 i giri previsti alle pressioni di un altrettanto bravissimo Dániel Nagy.

Il pilota della Sébastien Loeb Racing ha sfruttato al meglio la partenza dalla pole position della griglia invertita per tenersi dietro la Hyundai i30 N TCR dell'ungherese della M1RA, il quale le ha provate tutte per superare la Volkswagen Golf GTI TCR del britannico, che però non ha commesso alcun errore e va a trionfare per la prima volta in stagione.

Il podio viene completato da Yvan Muller con la propria Hyundai, anch'esso messo alle strettissime dall'arrembante Gabriele Tarquini (BRC), in rimonta dalla nona casella della griglia dopo aver superato con belle mosse gli avversari che lo precedevano, dovendosi però accodare all'alsaziano.

In Top5 abbiamo anche la Honda Civic Type R TCR FK7 della ALL-INKL.COM Münnich Motorsport condotta da Esteban Guerrieri, che non ha potuto fare più di tanto contro le Hyundai, concludendo comunque in scia a loro, mentre non è andata bene ai suoi compagni di squadra James Thompson ed Yann Ehrlacher, fuori proprio mentre erano in lotta per i punti.

Ciò consente a Norbert Michelisz di tagliare il traguardo sesto con la seconda Hyundai-BRC, dopo una bellissima lotta contro la Volkswagen di Mehdi Bennani (Sébastien Loeb Racing), superato al giro 8 all'ennesimo tentativo.

Completano la zona punti Benjamin Lessennes (Honda - Boutsen Ginion Racing), l'ungherese Zsolt David Szabo con la Cupra TCR della Zengo Motorsport (per la gioia del pubblico locale) e l'Audi RS 3 LMS TCR di Jean-Karl Vernay (Leopard Lukoil Team), il quale è stato a lungo in scia alla vettura nero-verde del magiaro, senza però trovare il varco giusto per sopravanzarla.

La rimonta dal 20° posto per Thed Björk (Hyundai-YMR) si ferma al 12°, mentre la miglior Peugeot 308 TCR è 16a con Aurélien Comte (DG Sport Compétition).

Le Alfa Romeo Giulietta TCR griffate Team Mulsanne/Romeo Ferraris ottengono invece il 19° piazzamento con Fabrizio Giovanardi (partito ultimo) e il 23° con Gianni Morbidelli, finito nella via di fuga dopo un contatto proprio con il compagno di squadra.

FIA WTCR - Hungaroring: Gara 2

 

condividi
commenti
Michelisz non è Paganini e si ripete: pole anche per Gara 3
Articolo precedente

Michelisz non è Paganini e si ripete: pole anche per Gara 3

Articolo successivo

Zampata del Cinghiale in Ungheria: Tarquini trionfa in Gara 3

Zampata del Cinghiale in Ungheria: Tarquini trionfa in Gara 3
Carica i commenti