Il WTCR deve rinunciare anche al Nurburgring Nordschleife

Il Coronavirus ha causato lo spostamento della 24h da maggio a settembre, della quale la massima serie turismo era evento di supporto e che non potrà onorare l'impegno poiché di scena in Asia.

Il WTCR deve rinunciare anche al Nurburgring Nordschleife

La decisione di spostare la 24h del Nürburgring da maggio a settembre ha fatto saltare anche le gare che il FIA WTCR avrebbe dovuto disputare sul Nordschleife.

Il promoter ADAC Nordrhein ha annunciato che non c'erano soluzioni alternative per mantenere l'evento il fine settimana del 21-24 maggio, dato che quello del 25-26 aprile si sarebbe dovuta disputare la Qualifying Race per la gara endurance.

Di conseguenza, a rimetterci è pure la massima serie turismo, che già era stata costretta a cancellare il round d'apertura all'Hungaroring proprio a fine aprile, e che in Germania a settembre non potrà andare poiché impegnata nelle gare in Asia.

Per mantenere le 20 gare in programma nel 2020, il promoter Eurosport Events inserirà una sessione aggiuntiva di Qualifica e una terza gara negli l'appuntamenti di Portogallo e Austria, proprio come era avvenuto per la Spagna a seguito della cancellazione del round all'Hungaroring.

A questo punto il campionato partirà (coronavirus permettendo, non dimentichiamolo) il fine settimana del 5-7 giugno allo Slovakia Ring.

condividi
commenti
Hyundai all'assalto del WTCR ancora con BRC, Tarquini e Michelisz
Articolo precedente

Hyundai all'assalto del WTCR ancora con BRC, Tarquini e Michelisz

Articolo successivo

Il WTCR "salva" le gare spalmandole, ma per quanto ancora?

Il WTCR "salva" le gare spalmandole, ma per quanto ancora?
Carica i commenti