Cupra sceglie un asso veterano per il WTCR: ecco Jordi Gené

Il richiamo del motorsport di alto livello e la possibilità di essere seguito da Cupra ha riportato Jordi Gené sulla scena mondiale delle corse turismo.

Cupra sceglie un asso veterano per il WTCR: ecco Jordi Gené

Il 50enne disputò l'ultima stagione completa della sua carriera nel 2015, quando giunse terzo nella classifica della TCR International Series, guidando una SEAT Leon del Team Craft-Bamboo.

Dopo un periodo da collaudatore, lo spagnolo è tornato carico per un doppio impegno con Cupra e nel 2021 affronterà il FIA World Touring Car Cup e la nuovissima serie per auto turismo elettriche, il Pure ETCR.

Gené ha già guidato tante auto in carriera, avendo vinto gare in Formula 3000 nei primi anni '90 e con le ruote coperte, per poi passare al turismo dove ha svettato in European Touring Car Championship, World Touring Car Championship e ora TCR.

Jordi Gene, Cupra Leon WTCR

Jordi Gene, Cupra Leon WTCR

Photo by: Cupra


Dopo aver visto rivali come Gabriele Tarquini e Tiago Monteiro continuare nella loro carriera, anche per Gené è stato evidente che ci fosse spazioe per un ritorno. E non per fare solamente numero in griglia.

"Principalmente sono qui perché mi piace molto correre con le auto turismo - ha detto quando gli è stato chiesto il motivo della sua firma per la Zengo Motorsport - Inoltre, perché dal 2003 ho lavorato per Seat e poi per Cupra, quindi non ho mai interrotto il rapporto con il marchio. Quest'anno abbiamo un impegno davvero tosto dovendo correre sia nel Pure ETCR che nel WTCR".

"Con la Cupra Leon Competicion, sono sempre stato coinvolto nello sviluppo, ma non nelle corse purtroppo. Mikel Azcona ha fatto una stagione davvero ottima l'anno scorso ed era chiaro che avevamo una macchina buona e competitiva, la domanda ce la siamo posta: perché non tornare alle corse, cercare di aiutare il marchio, cercare di aiutare Mikel e cercare di aiutare me stesso a capire se posso ancora essere competitivo con una vettura turismo a trazione anteriore?".

"Ho fatto gare per tutta la mia vita e mi manca correre. E quando vedo i miei amici come Gabriele [Tarquini] o Tiago [Monteiro] in TV, leggendo i loro risultati sulla stampa è stato difficile perché avrei voluto essere lì".

"Continuavo a seguirli e pensavo che dovevo esserci pure io, perché è quello che amo fare. È la mia passione. So che non ho 25 anni, ora ne ho 50 e sono gli ultimi della mia carriera sportiva. Ma amo davvero tanto correre e vivere le sensazioni dei weekend di gara. Ho spinto su questo e non vedo l'ora di iniziare la stagione".

Jordi Gene, Cupra Leon WTCR

Jordi Gene, Cupra Leon WTCR

Photo by: Cupra

Gené aveva corso nel 2018 con una Cupra TCR la 24 Ore del Nurburgring la sua ultima gara, dunque ora bisognerà capire quanto possa essere competitivo.

"Voglio esserlo, questo è il mio obiettivo principale al momento. Nei primi test che ho fatto con [il mio compagno di squadra] Mikel Azcona sulla Cupra Leon Competicion ho visto che mi manca ancora un po' di velocità, onestamente ho ancora qualche decimo da limare nei tempo sul giro".

"Con la Cupra e-Racer penso di essere più competitivo e i nostri tempi sono molto simili al momento. Cercherò di essere più veloce per il WTCR, non tanto nel ritmo gara, ma in Qualifica, perché mi manca un po' d'esperienza con le gomme Goodyear, pneumatico che non ho mai usato. Debbo imparare tutte queste cose e devo farlo velocemente se voglio fare bene. E non mi va di essere in fondo alla griglia in ogni gara".

"So che a volte sarò più avanti e a volte più indietro, ma voglio essere competitivo soprattutto nei confronti dei miei compagni di squadra. Questo è un grande obiettivo perché penso che Mikel sia probabilmente uno dei cinque migliori piloti al momento".

Il WTCR scatterà dal Nurburgring Nordschleife, in Germania, il 3-5 giugno, mentre la stagione del Pure ETCR inizierà all'Autodromo di Vallelunga il 18-20 giugno.

condividi
commenti
WTCR: il Paradiso per pochi eletti parte dall'Inferno (Verde)
Articolo precedente

WTCR: il Paradiso per pochi eletti parte dall'Inferno (Verde)

Articolo successivo

WTCR: ecco la livrea della Hyundai-BRC di Tarquini e Michelisz

WTCR: ecco la livrea della Hyundai-BRC di Tarquini e Michelisz
Carica i commenti