Yvan Muller: "La pole ottenuta con un giro perfetto!"

Il campione del mondo della Chevrolet si compiace della prestazione in qualifica a Valencia

Yvan Muller:
Dopo la doppietta di Monza non vedevo l'ora di tornare sulla Cruze 1.6 Turbo. Sono trascorse tre settimane dalla gara che ha aperto il mondiale WTCC in Italia e avevo voglia di guidare la Chevrolet. La macchina che abbiamo portato in Spagna è la stessa dell'appuntamento di apertura con le sole modifiche per adattarla alle caratteristiche del circuito. PRIMA POLE STAGIONALE A Valencia ci vengo volentieri: c'è un bel sole, ma non fa troppo caldo. L'ideale per andare forte. Oggi è una giornata bellissima perché sono riuscito a cogliere la prima pole position della stagione. Ho lavorato con cura nelle prove libere per raggiungere questo obiettivo. Nella prima sessione mi sono dedicato alla messa a punto dell'assetto della macchina. E devo dire che i tecnici avevano già fatto un buon lavoro da casa perché ho trovato subito un buon bilanciamento. RICERCA DELL'EQUILIBRIO È giusto che sappiate che la pista iberica è quella che Chervolet usa nel corso dell'inverno per il lavoro di sviluppo, per cui è un tracciato che non ha segreti per noi. Nel secondo turno di libere mi sono dedicato alla messa a punto della Cruze per la gara, perché questo è un circuito che si adatta in modo particolare alle vetture con trazione posteriore come la Bmw. Con gli ingegneri abbiamo cercato il miglior equilibrio possibile per preservare le gomme negli ultimi giri. Siamo sulla buona strada, ma voglio ancora fare un paio di esperimenti domani mattina nel warm up prima di deliberare le soluzioni per Gara 1. IN Q1 ANNULLATO IL TEMPO La giornata è di quella da incornciare, cari amici di OmniCorse.it. Ma anche quando tutto fila liscio può insorgere un piccolo intoppo: in qualifica Q1 ho subito fatto il tempo con la gomma nuova che mi ha permesso di andare davanti a tutti. Ero certo di essermi garantito subito il passaggio alla sessione decisiva, quando ho visto cancellare dal monitor il mio miglior tempo. A giudizio dei commissari sportivi avrei tagliato troppo una curva. SOLTANTO UN GIRO Non so, non me ne sono reso conto, però mi sono ritrovato a pochi minuti dalla conclusione della sessione senza un riscontro utile a entrare in Q2: sono ripartito dai box con le gomme usate avendo il tempo per coprire solo un giro. Non ho preso rischi e mi sono inserito all'ottavo posto dei dodici che consentono l'accesso alla fase decisiva delle qualifiche. IL GIRO PERFETTO Questo episodio non mi ha innervosito e ho iniziato la Q2 con la massima concentrazione. Già nel primo run mi sono portato in cima alla lista dei tempi con la Cruze 1.6 Turbo, ma ero certo che avrei potuto migliorare la mia prestazione. E sono orgoglioso di raccontarvi che sono riuscito a chiudere quello che definisco un giro perfetto. UNA SODDISFAZIONE INTERIORE Non potete avere idea quale sia la soddisfazione per un pilota che è consapevole di aver tratto il massimo dal potenziale tecnico che gli è stato messo a disposizione dalla squadra. Non è una cosa che accade spesso, anzi è piuttosto rara: è per questo motivo che si gode quando si riesce a centrare l'obiettivo. La Cruze 1.6 Turbo mi ha assecondato a meraviglia: non ho lasciato per strada nemmeno un decimo di secondo. Ero pervaso da un sottile piacere interiore perché mentre si guida si ha la percezione che si sta facendo qualcosa di speciale e la conferma puntualmente è arrivata anche dal cronometro sul dispaly. Che soddisfazione! ALTRA MUSICA IN GARA Non mi voglio illudere, comunque, perché in qualifica si può costruire un giro top, ma la situazione della gara potrebbe cambiare: Valencia non è una pista veloce come Monza, è molto guidata e stretta, l'ideale per le trazioni posteriori come la Bmw che non mettono in crisi l'anteriore destra che è sempre in appoggio. ROB E ALAIN IN CRISI La musica in gara potrebbe cambiare, ma partendo dalla pole position cercherò di mantenere il controllo della corsa. Non riesco a capire, invece, cosa sia successo ai miei compagni di squadra: Rob è solo quinto, mentre Alain è addirittura ottavo. Al briefing dopo le qualifiche non abbiamo ancora trovato delle risposte, ma ci deve essere sicuramente una ragione... CINQUE PUNTI IN PIU' Mi voglio godere questo sabato e la pole position: vale cinque punti per la classifica del mondiale piloti e così ho guadagnato qualche lunghezza sui compagni di squadra. So che volete sapere se ci sono stati degli strascichi dopo i contatti di Monza: ci siamo chiariti una volta per tutte e sono sicuro che non ci saranno più incidenti fra di noi nel corso dell'anno. VINCERE IN CASA SEAT? Adesso vi saluto e vi do appuntamento a domani: siamo in Spagna e corriamo in casa della Seat. So che domani ci sarà molto pubblico a supportare Gabriele Tarquini che è il beniamino della Casa spagnola, ma non sono preoccupato: fino a propria contraria la pole l'ho conquistata io...

Diventa parte di qualcosa di grande

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati WTCC
Evento Valencia
Circuito Valencia
Piloti Yvan Muller
Articolo di tipo Ultime notizie