Suzuka, Gara 2: Tarquini da favola, grande vittoria!

Suzuka, Gara 2: Tarquini da favola, grande vittoria!

Il "cinghio" sfrutta la Pole e regala il successo in casa alla Honda. A podio Borković e Michelisz, Citroën nel traffico

La sera dei test a Le Castellet, a febbraio, il simpatico Alessandro Mariani (Team Principal del team Honda Castrol) era stato sibillino: "Gabriele, se non vinci a Suzuka ti straccio il contratto!".

Evidentemente Tarquini si è ricordato delle parole del suo capo e ha condotto la sua Civic ufficiale alla vittoria sul circuito di casa. Il "cinghiale" ha sfruttato al massimo la partenza dalla Pole Position della griglia invertita di Gara 2, lasciando agli altri la bagarre e prendendosi la sua prima vittoria del 2014 nel WTCC. Per la Honda è il secondo successo di fila, dopo quello ottenuto da Mehdi Bennani a Shanghai.

Secondo Dušan Borković (Campos Racing); il serbo è il migliore dei piloti Chevrolet e sale per la prima volta sul podio del Mondiale. A completare la festa per i giapponesi ci pensa Norbert Michelisz, terzo con la Civic della Zengo Motorsport.

Quarto Tom Coronel con la Cruze della Roal Motorsport, che ha sudato parecchio per tenersi dietro il trio Citroën. Le C-Elysée si sono trovate imbottigliate nel traffico e hanno terminato con Yvan Muller quinto, seguito dal neo-Campione del Mondo José María López e Sébastien Loeb.

A punti anche Gianni Morbidelli (Münnich Motorsport), Tiago Monteiro con la seconda Civic ufficiale e Tom Chilton (Cruze-Roal Motorsport).

Altro giro a vuoto per le Lada Granta; Rob Huff ha chiuso undicesimo precedendo i compagni di squadra James Thompson e Mikhail Kozlovskiy.

In Classe TC2T arriva la vittoria per John Filippi (Seat León-Campos), davanti alla BMW 320TC di Filipe De Souza.

Non hanno concluso la gara Franz Engstler, Henry Kwong e Hugo Valente, mentre non è partito per problemi tecnici Mehdi Bennani.

IL FILM DELLA GARA - Anche in questo round non ci sono state grandi emozioni. In griglia non c'è Bennani. Al via Tarquini mantiene autorevolmente la testa, scatta molto bene anche Michelisz che guadagna due posizioni, mentre ne perde cinque Morbidelli. Borković è secondo, le Citroën invece restano a centrogruppo, con una C-Elysée che va con due ruote fuori pista alla curva 3. In TC2T Engstler balza subito al comando.

Dopo la prima tornata il "cinghiale" ha già 1"3 sugli inseguitori. Borković sembra fare da tappo e Michelisz prova ad approfittarne alla chicane del "triangolo"; i due si toccano e il serbo deve tagliare la variante. Nelle retrovie Thompson supera Kozlovskiy ed è tredicesimo.

La 130R risulta indigesta ai piloti Citroën, infatti sbagliano Loeb e López, senza comunque perdere posizioni. Davanti a loro Muller prova a superare Valente (quinto) in tutti i modi. Anche troppo, visto che il francese centra il connazionale al tornantino, costringendolo al ritiro per la rottura della sospensione posteriore sinistra. Episodio che finisce sotto inchiesta.

Il tutto accade al giro 5; nella bagarre Loeb viene superato da López alla "Spoon" per la sesta piazza, mentre Engstler parcheggia la sua BMW sul rettilineo lasciando via libera a Filippi per il successo in TC2T.

Tarquini è fantastico e corre senza commettere sbavature; il suo vantaggio su Borković & C. è rassicurante e gli ultimi quattro giri sono una parata davanti al pubblico locale. Al traguardo gli abbracci e i sorrisi si sprecano in casa Honda-JAS Motorsport; un meritato successo che di certo dà una grossa spinta moralmente.

Il WTCC si chiuderà con il consueto gran finale di Macao, in programma dal 13 al 16 novembre.

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati WTCC
Evento Suzuka
Circuito Suzuka
Piloti Gabriele Tarquini , Norbert Michelisz , John Filippi
Articolo di tipo Ultime notizie