Muller: "Sbagliate due gare in sette giorni!"

L'alsaziano critico con il calendario FIA: Yvan confida nella capacità dei tecnici Citroen per riparare la C-Elyseé

Muller:
Yvan Muller non è soddisfatto del bottino che ha raccolto nella gara del debutto a Marrakech nel nuovo WTCC: il campione del mondo alsaziano che ha portato in dote alla Citroen il numero 1 sebbene la Casa francese sia al debutto nel mondiale turismo, si è dovuto accontentare del terzo posto in Gara 1, visto che poi è stato coinvolto nell'incidente del primo giro in cui ci ha rimesso la sua C-Elyseé finendo addosso alla Chevrolet RML Cruze TC1 di Tom Coronel finita contro il muro dopo un contatto causato da Mehdi Bennani. "Non posso essere soddisfatto - racconta Yvan - perché il mio mondiale è iniziato in salita: nel crash con Coronel si è seriamente danneggiata la mia C-Elyseé e adesso i tecnici devono verificare quali sono i danni registrati nella parte anteriore che era distrutta". Nel prossimo weekend dovrete correre al Paul Ricard... "Sono seriamente preoccupato proprio per questo motivo perché le vetture vengono imbarcate via nave alla volta della Francia. Non ci sarà il tempo per fare rientrare la C-Elyseé in factory, ma bisognerà puntare sulla macchina-test. I tecnici dovranno valutare le effettive condizioni della vettura, ma il danno è importante...". Forse è stato sbagliato mettere in calendario la gara del Castellet una settimana dopo Marrakech? "Sono stupito dalle scelte fatte dalla FIA: non si può deliberare un calendario con due gare in una settimana, quando tre giorni servono al trsporto delle vetture! Si sapeva che la pista cittadina di Marrakech è un tracciato molto insidioso fra i muretti, ma non bisognava inserire il secondo appuntamento a sette giorni!". La tua C-Elysee non è l'unica a essere rimasta seriamente danneggiata... "E' proprio per questo motivo che dico che la scelta di calendario non ha alcun senso: il nuovo campionato è bello, interessante, ma al Castellet si rischia di non avere diverse vetture. Oltre alla mia Citroen è in dubbio la presenza di Tarquini con la Honda, mentre è certo che non ci sarà Coronel con la Chevrolet. Il rischio è che si arrivi in Francia con tre vetture importanti in meno: che senso ha. Io sono sicure che i tecnici Citroen che sono bravissimi faranno il possibile per mettermi nella migliore condizione di correre nel weekend, ma il mi mondiale è iniziato con il piede sbagliato...".
Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati WTCC
Evento Marrakech
Circuito Circuit International Automobile Moulay El Hassan
Piloti Yvan Muller
Articolo di tipo Ultime notizie