Marrakech, Gara 1: López vince nel dominio Citroën

condividi
commenti
Marrakech, Gara 1: López vince nel dominio Citroën
Francesco Corghi
Di: Francesco Corghi
19 apr 2015, 18:11

Pechito precede Ma, Loeb, Bennani e Muller. Bella lotta fra le Honda, D'Aste migliore Chevrolet. Lada a secco.

José María López conquista autorevolmente Gara 1 del WTCC sul Circuit Moulay El Hassan di Marrakech.

L'argentino della Citroën, partito dalla Pole Position, ha battuto le C-Elysée guidate dai compagni di squadra Ma Qing Hua e Sébastien Loeb. Quest'ultimo ha dato vita ad un duello mozzafiato con il marocchino Mehdi Bennani, che guida la C-Elysée preparata dal team dell'ex rallista. L'idolo locale è il migliore del Trofeo Yokohama.

In quinta piazza troviamo l'ultima delle Citroën ufficiali, grazie alla bella rimonta compiuta da Yvan Muller, partito dalla 10a piazza.

Bel duello anche fra le Honda ufficiali per la sesta posizione, con la Civic di Tiago Monteiro che ha avuto la meglio su quella di Gabriele Tarquini. La Top10 è completata da Norbert Michelisz (Civic-Zengő Motorsport) e Stefano D'Aste (ALL-INKL.COM Münnich Motorsport), il migliore dei piloti Chevrolet, e Tom Chilton (Roal Motorsport). Il britannico però è stato messo sotto investigazione per un contatto avvenuto al primo giro con il compagno di squadra Tom Coronel, il quale si è dovuto ritirare per il danneggiamento dell'anteriore destra.

A ridosso della zona punti (ma lontane in termini cronometrici) le Lada Vesta di Rob Huff, James Thompson e Mikhail Kozlovskiy.

Oltre a Coronel, non ha concluso la gara Grégoire Demoustier (Cruze-Craft Bamboo), mentre Hugo Valente (Cruze-Campos) ha avuto problemi al via, ma è riuscito a rientrare al terzo giro.

Non ha preso parte alla gara Dušan Borković (Proteam Racing): il serbo, che ha appena perso il papà, non se l'è sentita di correre, sia per i comprensibili motivi personali che per le difficoltà di adattamento alla sua Honda Civic.

IL FILM DELLA GARA

Non si schiera Borković (10°). Al via scattano benissimo Ma, Muller e le Honda ufficiali, mentre resta fermo Valente che viene sfilato dal gruppo. López mantiene la linea interna e si difende dall'attacco di Ma, mentre Loeb riesce a balzare al terzo posto, con Muller che transita sesto dopo il primo giro.

A centro gruppo c'è un contatto ruvido fra le Cruze di Chilton e Coronel alla curva 9-10, con l'olandese che è costretto ai box con l'anteriore destra malmessa. Subito giro record di López (1.44.747) che vuole staccare il gruppetto degli inseguitori.

I primi duelli si vedono fra Kozlovskiy, Chilton e Huff, con il russo che perde la 13a piazza al giro 4 a favore dei due britannici. López continua ad abbassare il limite ad ogni giro (1.44.572 e 1.44.280), mentre Muller inizia a pressare Monteiro per la quinta piazza.

Al giro 6 il duo Chilton-Huff si sbarazza anche di Thompson alla curva 4-5; il pilota della Roal entra in zona punti. Ma Qing Hua non riesce a tenere il passo di López, ma è dietro di lui che comincia il duello che tutti aspettavano da inizio anno. Bennani prova ad attaccare il suo team principal, ma Loeb difende strenuamente la sua terza posizione.

Ottava tornata che viene infiammata dal duello fra Monteiro (5°), Muller, Tarquini e Michelisz, con il contatto fra l'abruzzese e il francese all'ultima curva, proprio mentre il pilota della Citroën aveva affiancato il portoghese. Al giro successivo Muller riesce a superarlo e lascia la lotta alle Honda.

Giro 9 che vede López autore di un altro record (1.44.095), mentre Bennani riesce a superare Loeb, tagliando però la chicane della curva 4-5 e dovendo quindi restituire la posizione.

Non cambia nulla fino alla bandiera a scacchi, a parte qualche altra scintilla fra i sopracitati. López può festeggiare il suo secondo successo dell'anno.

Prossimo articolo WTCC
Marrakech, Gara 2: Primo centro per Yvan Muller

Previous article

Marrakech, Gara 2: Primo centro per Yvan Muller

Next article

Loeb: "Qualcosa non ha funzionato, ma non so cosa"

Loeb: "Qualcosa non ha funzionato, ma non so cosa"