Mariani: "Il team Honda Castrol è unitissimo"

Il team principal della squadra italo-giapponese racconta il duro inverno passato a migliorare la Civic TC1.

Mariani:

In casa Honda Castrol si respira un'aria molto positiva, dopo una prima stagione di TC1 piuttosto complicata. Il cambio di regolamenti adottato dal WTCC ha reso la vita un po' complicata ai giapponesi e ai ragazzi della J.A.S. Motorsport, che capitanati da Alessandro Mariani cercano di preparare al meglio le Honda Civic di Tiago Monteiro e Gabriele Tarquini.

Il team Castrol ha lavorato duramente durante tutto l'inverno per migliorare le prestazioni della propria vettura. Il simpatico Mariani ci spiega come è proseguito il lavoro in vista della stagione 2015, ormai alle porte.

Avete passato un inverno molto impegnativo, con tanti test per migliorare la vostra Civic; cosa avete fatto?
"Abbiamo svolto tre sessioni di prove per sviluppare e migliorare le performance dello scorso anno, almeno in confronto a ciò che ci separava dalla Citroën. Sfortunatamente non siamo riusciti a fare tutto ciò che volevamo, ma le impressioni, soprattutto dopo l'ultima uscita a Valencia, ci hanno detto che siamo sulla giusta strada e spero proprio che il gap con i francesi si sia ridotto."

In Argentina sarete competitivi?
"Non lo so, è difficile dirlo, andremo là non ancora al 100%, però sono molto contento per come prosegue il nostro lavoro. In inverno non sai mai quale è il tuo reale livello a confronto con gli altri, ma il feeling in squadra è ottimo e credo che potremo fare molto bene durante l'anno."

Che programma avete intrapreso per lo sviluppo?
"Lo scorso anno il calendario non ci ha consentito di lavorare molto e bene, praticamente i primi risultati si sono visti da metà stagione. Però sono stati niente male e appena rientrati da Macao abbiamo subito iniziato a stilare il programma di prove con Honda in vista della nuova stagione. Sapevamo quali erano le aree su cui lavorare, un po' alla volta siamo riusciti a metterci le mani."

In squadra avrete ancora Tiago Monteiro e Gabriele Tarquini; sei contento?
"Sono due "vecchietti", ma sono molto felice che siano ancora con noi. Lo scorso anno è stato difficile per varie ragioni, ma l'atmosfera fra i membri del team, i piloti e gli uomini della Honda era ottima. Abbiamo sempre lavorato con un unico obiettivo e cercando di seguire la stessa strada. E' facile che tutto vada bene quando l'auto è vincente, un po' meno quando non sei competitivo, ma lo scorso anno abbiamo provato la nostra unità di squadra ed è la forza che ci consente di proseguire."

Uno dei talloni d'achille mostrati dalla Civic nel 2014 era certamente la poca potenza del motore. Durante l'anno sono state affrontate riunioni fiume sull'argomento all'interno del box, ma alla fine Daisuke Horiuchi, responsabile Honda del progetto WTCC, ha capito che bisognava svoltare se si voleva raggiungere prestazioni simili alla Citroën.

"E' stato fatto un gran lavoro per migliorare la potenza della nostra auto - ci racconta Horiuchi - Abbiamo modificato il rapporto di compressione e sviluppato un nuovo sistema di scarico per l'uscita più fluida dei gas. Nel primo aspetto, chiaramente, la gestione del motore richiede una buona mappatura; per questo nei test abbiamo lavorato a fondo su ciò e posso dire che siamo soddisfatti dei progressi visti fino ad oggi."

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati WTCC
Piloti Tiago Monteiro , Gabriele Tarquini
Articolo di tipo Ultime notizie